Il "Concerto all'alba" ritorna ad essere compatibile con Torre Guaceto

Lo scorso anno fu detto no all'ideatore e organizzatore delle prime sei edizioni, Roberto Caroppo, per ragioni ambientali. Quest'anno si riprende (il 14 luglio) passando l'iniziativa La Ghironda

BRINDISI – Pare non ci siano più i problemi improvvisamente insorti nell’estate del 2018, che causarono l’annullamento del Concerto all’Alba a Torre Guaceto. Sarebbe stato certamente il settimo successo di fila dell’iniziativa ideata dal brindisino Roberto Caroppo – proposta assieme alla cooperativa Thalassia -, che da lungo tempo coltiva lo studio dei fenomeni musicali emergenti e affermati a livello internazionale, e che poteva e può contare su una fitta agenda di conoscenze e relazioni con i protagonisti più affermati. Per farla breve, portano la sua firma anche i sette anni di Naturalia, che precedette la serie di Concerto all’Alba, per restare nell’ambito degli eventi di Torre Guaceto, i Suoni della Devozione nelle chiese di Brindisi, alcune innovazioni per la festa patronale di San Teodoro, poi accantonate. Tutte rassegne di successo certificato.

Il "no" assai poco convincente opposto a Caroppo nel 2018

Oggi 22 giugno il Consorzio di gestione di Torre Guaceto fa sapere che “fervono i preparativi per l’edizione 2019 del concerto all’alba di Torre Guaceto. Un evento tanto atteso dal grande pubblico, che riprenderà forma completamente rinnovato alle prime luci del prossimo 14 luglio. Quest’anno, l’organizzazione del concerto all’alba porta la firma del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto e dell’associazione culturale La Ghironda”. La storia precedente dell’evento, che ha portato ad esibirsi nel chiarore dell’alba sul Canale d’Otranto pianisti di fama internazionale sotto l’antica torre di guardia, concerti sold out dopo appena tre ore di apertura del booking? Liquidata. Come del resto i “problemi” che furono opposti lo scorso anno a Roberto Caroppo (nella foto sotto): l’incompatibilità del concerto di pianoforte con la presenza della fauna selvatica della riserva, la nuova normativa sulla sicurezza delle manifestazioni pubbliche, gli fu detto.

Roberto Caroppo-2

Tutto risolto, ma non convincente, fermo restando che il Consorzio ovviamente organizza e affida gli eventi a chi gli pare. Ciò per la storia, che spesso da queste parti viene dequalificata a dettaglio superfluo, e anche per rilevare – a nostro parere – che Concerto all’Alba non era affatto una iniziativa in difficoltà o decotta. Anzi. Ma da quest’anno “lo spettacolo in Riserva rappresenta una delle tappe della kermesse itinerante, ‘Piano Lab’, con la quale l’associazione porterà i grandi musicisti del momento nei luoghi più suggestivi della Puglia che segnano il percorso della via Francigena. Si tratta di un evento unico nel suo genere tanto atteso dagli estimatori dell’area protetta”.  “Un’esperienza completamente immersiva che permetterà gli utenti di fare un viaggio nell’enorme patrimonio naturalistico di Torre Guaceto e li cullerà sulle note eseguite dal maestro William Greco, pianista pugliese che spazierà tra le composizioni dei grandi compositori classici, le opere proprie e gli standard jazz e pop”, per giungere al nome del musicista che si esibirà all’alba del 14 luglio.

Il concerto ridiventa "sostenibile"

“L’arrivo sul promontorio della torre aragonese, infatti, sarà il traguardo di una visita guidata scandita da passi leggeri e silenziosi ed illuminata dal chiaro di luna”. Ciò, insomma, che era già stato fatto, sperimentato con successo, e replicato più volte sino a quanto, nel 2018, l’allora presidente del Consorzio di gestione, Mario Tafaro, disse a Caroppo che il concerto non si poteva più fare per incompatibilità con gli equilibri ambientali della riserva. “Un evento per anime sensibili e mani rispettose. L’occasione per concedersi il dono della natura e dell’armonia elegante del piano”, viene invece definito quest’anno il concerto.

Concerto all'alba

Un concerto che ridiventa dopo appena un anno nuovamente compatibile: “Il concerto all’alba non è solo un appuntamento culturale – ha dichiarato il presidente del Consorzio di Torre Guaceto, Corrado Tarantino -, ma anche, se non soprattutto, una splendida occasione con la quale portiamo in Riserva sia coloro i quali già la conoscono, sia chi si approccia per la prima volta all’area protetta. Questo evento ci ha già permesso di portare alto il nome di Torre Guaceto nell’ambito della promozione delle attività sostenibili e siamo certi che, quest’anno, con la collaborazione di ‘La Ghironda’, sapremo tirare su un evento fortemente attrattivo ed altrettanto amico dell’ambiente, della nostra preziosa Riserva. Per amare Torre Guaceto, bisogna conoscerla. Bisogna viverla. Questa manifestazione nasce nell’ambito del percorso che l’intero Cda vuole costruire: far vivere Torre Guaceto affinché la gente la conosca, la ami, la difenda”.

Concerto all'alba a Torre Guaceto

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 “Per noi della Ghironda –ha spiegato il direttore artistico Giovanni Marangi -, questo concerto vuole diventare un evento irrinunciabile. Sdoganare uno strumento sacro come il pianoforte, portarlo in riva al mare e inebriare i suoni con le prime luci dell’alba, ha un fascino che parla da solo. È un viaggio esperienziale che condividiamo volentieri con la Riserva Naturale dello Stato e l’Area Marina Protetta di Torre Guaceto: questo genere di concerti, oltre all’attrattiva puramente musicale, vuole porre l’accento sulla salvaguardia del nostro ambiente e dei luoghi magici che ci regala la nostra regione. Per questo, siamo in prima linea per offrire al pubblico una straordinaria alba, in musica, da ricordare”. Già fatto, verrebbe da dire. E va detto anche, infine, dato preliminarmente a Cesare ciò che è di Cesare, che i biglietti sono in vendita già a partire da oggi, online presso il circuito vivaticket.it, offline al Centro Visite Al Gawsit di Torre Guaceto e nell’azienda Marangi Giovanni & Figli S.N.C. di Martina Franca (per informazioni chiamare al 347 8408860 o allo 080 4301150).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Incidente in campagna: padre con la motozappa travolge il figlio

  • Prima svolta, indagato il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Scu, estorsioni nelle campagne: “Un euro per ogni quintale di grano prodotto”

  • Uomo trovato morto in casa dell'anziano che assisteva: disposta autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento