Venerdì, 24 Settembre 2021
Attualità Cellino San Marco

Si sveglia dal coma dopo grave incidente: "Grazie agli angeli di Rianimazione del Perrino"

Christian Carrozzo, 20enne di Cellino San Marco, il 25 luglio scorso è rimasto coinvolto in uno scontro frontale. L'altro conducente perse la vita

CELLINO SAN MARCO – Era arrivato in ospedale clinicamente morto, l’incidente in cui era rimasto coinvolto gli aveva provocato lesioni così gravi che i medici non avevano dato  grosse speranze ai familiari. Dovevano prepararsi al peggio. Invece, Christian Carrozzo, il  20enne di Cellino San Marco che il 25 luglio scorso è rimasto coinvolto in uno scontro frontale sulla strada provinciale che collega Brindisi a San Pietro Vernotico, dove l’altro conducente ha perso la vita, dieci giorni fa ha lasciato il reparto di Rianimazione dell’ospedale Perrino di Brindisi. Ora è ricoverato nel centro di riabilitazione a Ceglie Messapica, ma il peggio è passato. “Grazie ai medici del Reparto di Rianimazione che gli hanno salvato la vita”, commenta il padre Onofrio che in una lettera inviata alla redazione di questo giornale esprime tutta la sua gratitudine nei confronti di questi angeli con il camice verde, non solo professionisti ma pieni di umanità. 

Rianimazione Perrino1-2

“La mattina del 25 luglio 2021 la mia vita improvvisamente viene scossa da più chiamate che mi avvisano che mio figlio è stato coinvolto in un incidente stradale gravissimo, è in coma. Viene trasportato  d’urgenza nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Perrino di Brindisi nelle mani di un’equipe medica che io definisco “angeli”. Mio figlio lotta tra la vita e la morte”. Il giovane viene sottoposto a diversi delicati interventi chirurgici e le sue condizioni restano critiche per diversi giorni. 

“Io resto aggrappato a ogni singola speranza che all’inizio sembra veramente inesistente. Ma nel giro di un mese avviene il miracolo: mio figlio si sveglia dal coma. Tutto questo grazie alle cure, alla professionalità ma soprattutto alla grande umanità di queste persone. Medici, rianimatori, infermieri, Oss e ausiliari: tutti hanno preso a cuore la vita di questo ragazzo di 20 anni, mio figlio”.

“Ringrazio dal profondo del mio cuore il dott Massimo Calò, la dottoressa Angelica Belluoccio, il dottor Romeo, il dottor Mario Crisumma, il dottor Landolfi e la coordinatrice, la dottoressa Rossella Gentile. Non me ne vogliano se ho dimenticato qualcuno. Grazie, grazie veramente a tutti voi, non dimenticherò mai tutto ciò che avete fatto per mio figlio Christian. Grazie angeli del quinto piano”. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si sveglia dal coma dopo grave incidente: "Grazie agli angeli di Rianimazione del Perrino"

BrindisiReport è in caricamento