menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inclusione e condivisione le parole d'ordine del primo centro estivo integrato

Si è svolta ieri la giornata conclusiva del primo centro estivo integrato “Il bello dell'estate” promosso dall’Aps Coloriamo il Mondo e dalla Asd Gruppo sportivo San Giuseppe Art

MESAGNE - Si è svolta ieri, alla presenza anche del sindaco Antonio Matarelli, la giornata conclusiva del primo centro estivo integrato “Il bello dell'estate” promosso dall’Aps Coloriamo il Mondo e dalla Asd Gruppo sportivo San Giuseppe Art., presso l’impianto sportivo della parrocchia di San Pio di Mesagne.

Al centro estivo hanno partecipato anche alcuni bambini e ragazzi dello Sprar siriani ed ivoriani. 
Un’esperienza entusiasmante che ha fatto dell’inclusione e della condivisione le sue parole chiave. Tanti i giochi, tanto l’entusiasmo di tutti gli operatori impegnati in un progetto ludico-educativo che ha voluto, attraverso le tante e differenti attività proposte ai bambini di età diverse, far comprendere che la diversità e/o le disabilità sono soltanto sfumature di un mondo a colori e che ogni bambino, così come in una poesia letta da uno dei genitori “ha mille storie da raccontare, ognuna diversa, ma con molti sentimenti in comune!” 
Per Monica Contessa (presidente Aps Coloriamo Il Mondo) e Alberto Destino (presidente Gruppo Sportivo San Giuseppe Art.) questa esperienza è stata solo l’inizio di un percorso di integrazione che continuerà con altri progetti anche durante l’anno e già si sta pensando alla prossimo estate.
Un ringraziamento va a don Luciano Chetta, parroco di San Pio, che ha creduto fortemente nel progetto, a tutti gli operatori ed educatori coinvolti, e soprattutto a tutti i bambini e i ragazzi che con la loro gioia, con il loro entusiasmo, soprattutto con la loro semplicità hanno reso fantastica l’inizio dei questa Estate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento