Infermieri, appello del sindacato: “Valorizziamo le competenze”

La sigla Nursind: “E' importante rivedere le norme contrattuali con i necessari stanziamenti economici”

BRINDISI - Carmelo Villani, segretario regionale Nursind Puglia, lancia il suo appello alla politica e chiede che vengano riconosciute e valorizzate le competenze degli infermieri: “L’infermiere oggi è un professionista laureato ma pagato ancora come se fosse diplomato. Nel frattempo formazione e responsabilità sono notevolmente aumentate. È un professionista che ha una carriera precarizzata e un lavoro disagiato dai turni dove lo sfruttamento è legalizzato da deroghe contrattuali all’orario del lavoro. C’è bisogno – prosegue la nota – di una proposta innovativa che auspichiamo venga condivisa dalle istituzioni e dalle altre forze sindacali. Quella che consegniamo al dibattito pubblico è fondata sui seguenti capisaldi: dare la possibilità di carriera a un numero più elevato di professionisti e non limitarla a percentuali di una cifra, dare garanzie a chi investe sulla propria formazione, evitare lo sfruttamento del personale turnista, valorizzare le professioni sanitarie nella contrattazione e nella libera professione come avviene per i medici, prevedendo una sezione autonoma di contrattazione e un'indennità di esclusività”.

Per il sindacato tutte queste rivendicazioni hanno un fondamento di valore: “L’esercizio professionale dell’assistenza infermieristica non si basa tanto sull’erogazione di prestazioni, come molte altre, ma si caratterizza per la presa in carico del paziente a trecentosessanta gradi. Tale presa in carico comporta maggiore autonomia e responsabilità e pretende maggiori competenze e notevoli flessibilità. La presa in carico mette le professioni infermieristiche sullo stesso piano di quella medica. Le nuove responsabilità a garanzia del corretto procedere nel percorso diagnostico terapeutico assistenziale e la necessaria continuità assistenziale, soprattutto in un contesto dove si stanno sviluppando le aree per intensità di cura, devono comportare una valorizzazione che prenda atti di questa evoluzione”.

Infine, una riflessione sull'emergenza sanitaria: “L’infermiere di quartiere, ad esempio,  istituito dal decreto rilancio è una figura che avrebbe potuto intercettare molte delle criticità emerse durante l’emergenza sanitaria. A partire dalle Rsa. Già nel 2003 l’Oms individuava nell’infermiere di comunità e nella gestione delle situazioni di fragilità. L’infermiere di comunità è un anello importante di una rete che va dall’assistenza domiciliare alla riabilitazione, alla prevenzione e cura in scuole, Rsa e famiglie dove ci sono situazioni delicate, evitando anche accessi impropri negli ospedali. Come Nursind ci siamo battuti a lungo per il riconoscimento di questa figura e l’attivazione di percorsi specifici, presentando anche un progetto specifico per l’infermiere nelle scuole. Saranno necessari interventi legislativi e rivedere norme contrattuali con i necessari stanziamenti economici. Ciò che auspichiamo è una condivisione dei fondamenti della nostra proposta, presa in carico e continuità assistenziale, per una azione comune su più fronti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • La Puglia passa in zona gialla: cosa cambia fino al 21 dicembre

  • Sulla superstrada senza assicurazione e con targhe rubate: inseguimento

  • Coronavirus, risalgono i nuovi positivi e il numero dei decessi

  • Festa di compleanno senza mascherine, ma con petardi: 11 denunce

  • Auto si ribalta e finisce nelle campagne: spavento per una ragazza

Torna su
BrindisiReport è in caricamento