"Ritardi nei tamponi e errori organizzativi, situazione critica al Perrino"

Mauro D'Attis: "Occorre agire in tutta fretta e, parallelamente, stabilire le responsabilità per quanto sta accadendo"

“La nota dell’Ordine dei Medici sulla questione dei tamponi sospesi dalla Regione e sulla separazione dei percorsi nonchè quanto sta continuando ad accadere nell’ospedale Perrino di Brindisi, confermano la gravità della situazione denunciata ormai da settimane.
Abbiamo interrogato il Ministro della Salute proprio perché riteniamo che siano esposte a rischio eccessivo le vite degli operatori sanitari e dei pazienti dello stesso presidio ospedaliero e quindi non è accettabile alcuna ulteriore sottovalutazione. Ritardi dei tamponi ed errori organizzativi evidenti da parte della Regione Puglia e purtroppo dall’Asl di Brindisi a cui non hanno fatto seguito interventi adeguati alla gravità di quanto stava accadendo. Se la situazione non è ulteriormente precipitata è solo grazie alla grande professionalità dei primari del singoli reparti e, più in generale, di tutto il personale che opera nella struttura. Oggi, però, occorre agire in tutta fretta e, parallelamente, stabilire le responsabilità per quanto sta accadendo”. 

Lo afferma il parlamentare brindisino Mauro D’Attis (Forza Italia) il quale nei giorni scorsi ha depositato una interrogazione al Ministro della Salute Speranza proprio sull’emergenza sanitaria dell’Ospedale “Perrino” di Brindisi.

“Ritengo anche doveroso chiarire la questione riguardante le mie dichiarazioni sulle affermazioni del Primario del Reparto Covid di Brindisi – aggiunge l’on. D’Attis - Mai ho messo in dubbio la professionalità medica sua, dei suoi colleghi o dei suoi collaboratori che ringrazio nuovamente senza infingimenti. Anzi, ho sostenuto quello che proprio i medici, rappresentati dal loro Ordine, hanno sempre denunciato. Quello che accade nell’ospedale Perrino è dovuto, come detto, a una organizzazione evidentemente sbagliata sulla quale io chiedo di fare luce. A mio parere, le dichiarazioni di un primario che interviene difendendo l’operato della Direzione Generale della Asl, dichiarando che sono stati compiuti degli errori dovuti a difetti organizzativi, non è del tutto irrilevante in questa circostanza. La vergogna sarebbe in questo e non in altro che, se usato ancora, apparirebbe solo strumentale e fuorviante. Mi scuso con Gatti se l’interpretazione è stata questa, ma ho dato molta importanza alla sua dichiarazione e lui, come me, deve assumersi la responsabilità di quanto afferma. E comunque, per comprendere la non applicazione di una norma o la errata disposizione logistica non c’è bisogno di una laurea in medicina".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il nostro sostegno vero ai medici e agli operatori sanitari non è mai mancato. Io stesso sono stato, il 26 febbraio scorso, il primo firmatario dell’ordine del giorno accolto dal Governo che lo impegnava a fornire i DPI al personale ospedaliero, poi firmatario di un emendamento al decreto “Cura Italia” per il riconoscimento di una mensilità aggiuntiva (per l’anno 2020) al personale medico, sanitario e tecnico (compresi i medici di medicina generale e pediatri di libera scelta), nonché agli operatori socio-sanitari del settore sanitario pubblico e ancora firmatario di un emendamento per il pensionamento anticipato di un anno ai medici ed a tutto il personale sanitario impegnato nell’emergenza covid 19.  Le uniche cose che interessano ora sono la soluzione dei problemi denunciati e la risposta del Ministro con i provvedimenti di intervento del caso per agevolare il lavoro dei medici e garantire i cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Virus: schizzano i contagi, chiuse altre scuole nel Brindisino

  • Trovata morta nell'auto in cui viveva: dramma della solitudine al cimitero

  • Un contributo a fondo perduto fino a 40mila euro per gli artigiani

  • Covid, l'avanzata del virus in Puglia: aumentano i nuovi positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento