Latiano, Cup e anagrafe sanitaria chiusi fino a nuove disposizioni

Il candidato sindaco Salvatore De Punzio si è rivolto al consigliere regionale e presidente della Commissione Bilancio, Fabiano Amati

LATIANO – Il Cup e anagrafe sanitaria di Latiano chiusi fino a nuove disposizioni. Per le urgenze ci si deve rivolgere a un numero di telefono reso disponibile dalla Asl di Brindisi. Un disservizio che si protrae ulteriormente, considerando la lunga chiusura dovuta all’emergenza sanitaria, che penalizza fortemente i cittadini latianesi, soprattutto gli anziani. 

Il candidato sindaco Salvatore De Punzio, nell’ottica di risolvere il problema nel minor tempo possibile, si è rivolto al consigliere regionale e presidente della Commissione Bilancio, Fabiano Amati, da sempre molto attento alle tematiche inerenti la sanità pubblica in provincia di Brindisi.

"L’inaspettata chiusura del Cup e dell’anagrafe sanitaria di Latiano – dichiara Salvatore De Punzio – ha provocato un disagio notevole per la popolazione locale, che ha dovuto già fare a meno del servizio per lungo tempo durante l’emergenza Coronavirus. Ora non c’è alcun motivo per cui  un servizio così indispensabile sia nuovamente sospeso. Pertanto, ho ritenuto opportuno rivolgermi al consigliere regionale Fabiano Amati, che mi ha assicurato un rapido intervento". 

"Il consigliere Amati – conclude De Punzio – mi ha garantito che si impegnerà per risolvere la questione nel minor tempo possibile. Spero quindi in una immediata riapertura del centro unico prenotazioni e dei servizi ad esso commessi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta sulla provinciale: deceduto conducente

  • Nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo. La Puglia tornerà arancione

  • Muore a 19 anni dopo forti emicranie: indagati due medici del Perrino

  • Violento impatto fra auto e moto in città: un giovane in ospedale

  • Covid, "furbetti del vaccino": ispezione dei Nas al Perrino

  • Temperature in calo: allerta neve anche in provincia di Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento