Sabato, 25 Settembre 2021
Attualità

Memoria e impegno: Brindisi ricorda Mauro Maniglio, vittima della mafia

Domani, venerdì 13 agosto 2021, alle 19, al parco Comunale a lui dedicato nel quartiere Bozzano

BRINDISI - Domani, venerdì 13 agosto, il presidio di Brindisi, dedicato ai finanzieri Antonio Sottile e Alberto De Falco, dell’associazione nazionale “Libera – Associazioni, Nomi e Numeri contro le mafie”, per il quinto anno organizza un’iniziativa pubblica ed aperta alla cittadinanza in memoria di Mauro Maniglio, vittima innocente della mafia. La commemorazione si svolgerà alle ore 19 presso il parco a lui intitolato nel quartiere Bozzano di Brindisi. L’evento, che si terrà nel rispetto delle norme per il Covid-19, si tiene a 29 anni dall’uccisione del giovane Mauro da parte di un killer della Sacra Corona Unita.

Il ragazzo nel 1992 aveva da poco compiuto 18 anni e stava per frequentare l'ultimo anno del Liceo Scientifico "Monticelli". Mauro Maniglio è una delle tante vittime innocenti che vengono ricordate ogni anno il 21 marzo nella “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”. In questi giorni si ricordano, anche, Salvatora Tieni e Nicola Guerriero, che furono uccisi a Torre Santa Susanna l'11 agosto 1991 dalla Scu mentre cercavano la verità sulla scomparsa del figlio Romolo.

L’iniziativa ha il patrocinio del Comune di Brindisi e quest’anno viene organizzata in collaborazione con il gruppo di Corpo Europeo di Solidarietà “I giovani sono il presente!”, la cooperativa sociale “Amani”, l'associazione “Clic – Comitato Liberi Cittadini” del quartiere Bozzano e la parrocchia San Giustino de Jacobis. Durante l’iniziativa ci saranno la lettura di una poesia di Gionata Atzori Spoken Word e gli interventi delle istituzioni, del parroco don Cosimo Posi e dei rappresentanti delle associazioni.

Si tratterà di un momento di “memoria e impegno”. Il 13 agosto saranno presenti il procuratore di Brindisi Antonio De Donno, il questore Ferdinando Rossi, il comandate provinciale dei carabinieri Vittorio Carrara e le rappresentanze delle forze dell’ordine, il presidente del consiglio comunale Giuseppe Cellie (il quale allora frequentava lo stesso liceo di Maniglio) e i rappresentanti dell’amministrazione comunale, come gli assessori Oreste Pinto e Mauro Masiello.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Memoria e impegno: Brindisi ricorda Mauro Maniglio, vittima della mafia

BrindisiReport è in caricamento