Giovedì, 5 Agosto 2021
Attualità

Anche Mesagne chiede la liberazione dello studente Patrick Zaki

E' detenuto da oltre un anno in un carcere egiziano. Sarà esposta un'immagine nella Casa Comunale di Palazzo dei Celestini

MESAGNE - Il Comune di Mesagne aderisce alle iniziative per chiedere la liberazione di Patrick Zaki (lo studente egiziano dell'Università di Bologna che da oltre un anno è detenuto nel carcere di Tora, a sud del Cairo). A partire dai prossimi giorni sarà esposta un'immagine nella Casa Comunale di Palazzo dei Celestini, che riporta le parole in 16 lingue della lettera di solidarietà firmata da diverse personalità del mondo politico e culturale. L'appello dei firmatari è che il Governo italiano si impegni ancora di più nelle negoziazioni e Zaki possa tornare libero in Italia.

Spiega Vincenzo Sicilia, consigliere comunale con delega alle Politiche Giovanili della città di Mesagne: "'Non mollare',vogliamo che questo grido giunga al giovane ricercatore anche da Mesagne affinché la sua drammatica vicenda abbia un epilogo fondato sulla giustizia e, finalmente, sul rispetto dei diritti umani".

Prosegue Sicilia: "Ho contattato i referenti dell'associazione 'InOltre - Alternativa Progressista' per manifestare interesse e disponibilità a condividere le espressioni di solidarietà promosse a sostegno di Patrick. La risposta non si è fatta attendere: l'associazione ha già provveduto a inviarmi il ritratto di Zaki insieme all'autorizzazione alla stampa. L'immagine ricevuta in formato digitale è il risultato dell'opera commissionata dall'associazione a Francesca Grosso, artista romana di calligraphy art"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche Mesagne chiede la liberazione dello studente Patrick Zaki

BrindisiReport è in caricamento