menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Innovazione tecnologica: verso la digitalizzazione dei servizi con l’app “Io”

I cittadini potranno effettuare i pagamenti alla pubblica amministrazione attraverso PagoPa direttamente dal proprio smartphone

MESAGNE - Il Comune di Mesagne è tra le amministrazioni pubbliche che hanno integrato i propri servizi nell’app “Io”. Ideata e sviluppata dal team per la trasformazione digitale nell’ambito di un progetto gestito da PagoPa S.p.A, la piattaforma è stata realizzata per consentire a tutti i cittadini di avere un nuovo e unico punto di accesso telematico ai servizi, alle informazioni e alle comunicazioni della pubblica amministrazione, rappresentando un tassello fondamentale della strategia digitale impostata dal governo nazionale. Da oggi, i cittadini mesagnesi potranno effettuare i pagamenti alla pubblica amministrazione attraverso PagoPa direttamente dal proprio smartphone, in modo semplice e sicuro. Sono poco più di cento i Comuni italiani che hanno già reso disponibile tale opportunità, che consente di evitare file e procedere in modo veloce e personalizzato, senza dover scrivere nulla e procedendo con un rapido clic.

L’uso dell’applicazione, che nelle ultime settimane si è diffusa per i benefici previsti dal cashback del “bonus bancomat”, potrà essere estesa anche ad altri servizi che il Comune di Mesagne intende attivare a breve. “Per gli enti pubblici, esiste l’obbligo di avviare queste modalità di erogazione dei servizi entro la fine di febbraio. Abbiamo giocato d’anticipo perché l’intendimento è quello di utilizzare l’applicazione anche per molti altri servizi utili alla semplificazione del rapporto tra cittadini e pubblica amministrazione”, ha spiegato il sindaco Toni Matarrelli. Il prossimo 28 febbraio scade la proroga concessa dal “Decreto Semplificazioni” per l’adozione di “PagoPA” da parte dei soggetti di cui all’articolo 2, comma 2, del “Codice dell’Amministrazione digitale” (articolo 7 del decreto legislativo numero 82/2005). La stessa data costituisce anche il termine ultimo per predisporre un progetto in grado di mettere a disposizione servizi online integrati, accessibili ai più, che è anche l’obiettivo prioritario del processo di digitalizzazione degli enti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pareti "scorticate" a causa dell’umidità: "Ecco come viviamo e nessuno interviene"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento