Un giovane mesagnese nello staff dell'Atelier Versace

Insieme ad alcuni colleghi è stato scelto per la nuova campagna pubblicitaria delle fragranze del brand, per il momento online su Instagram e pubblicata da Vogue Russia

MESAGNE - Provate a chiedere ad un bambino cosa vorrà diventare da grande. La fantasia regalerà mille e più ruoli da poter interpretare. Il sogno di Angelo Baldari era creare abiti e accessori, per vederli sfilare sulle più importanti passerelle del mondo della moda.  A 29 anni, è sempre più vicino alla piena realizzazione del suo desiderio di bambino.

Angelo, nato a Mesagne e cresciuto con la famiglia nel quartiere Mater Domini, fa parte integrante dello staff di Atelier Versace, lo spazio che in via Gesù, nel cuore della città della moda per eccellenza, Milano, unisce maestria artigianale della tradizione allo stile, unico ed inconfondibile, di Versace.

Insieme ad alcuni colleghi, Angelo è stato scelto per la nuova campagna pubblicitaria delle fragranze del brand, per il momento online su Instagram e pubblicata da Vogue Russia.

Un video in cui due modelli si aggirano per le sale delle magie di Atelier Versace, in cui i capi vengono cuciti da mani esperte, tra cui quelle di Angelo. Due mondi a confronto: quello patinato dei modelli, sempre perfetti, e quello di chi rende quella perfezione la cifra stilistica di un marchio noto nel mondo. Il tutto, condito con ironia e un tocco di leggerezza.

Dopo la maturità scientifica, Angelo ha deciso di dedicarsi completamente a quel sogno che, da bambino, lo proiettava in un altro mondo. Così, dopo un corso presso la scuola di cucito Burgo della docente Jole Silla, a Mesagne, si è trasferito a Milano. Cominciando a lavorare nei luoghi più disparati, Angelo è riuscito a mettere da parte una discreta somma di denaro che ha reso possibile l’iscrizione alla Afol Moda Milano, un istituto di alta formazione per i futuri professionisti del settore.

Dopo aver frequentato questa scuola, è stato notato da Versace e assunto: dapprima con un inserimento nella produzione a Novara, poi spostato nel cuore della città meneghina. Dopo tre anni di lavoro per il brand fondato da Gianni Versace e portato avanti dai fratelli Santo, Donatella e la nipote Allegra all’indomani della sua tragica morte, Angelo è stato selezionato tra il personale che lavora in sartoria a Milano per comparire nella campagna pubblicitaria dei profumi ideati dal marchio di lusso.

Una enorme soddisfazione per Angelo, un ragazzo umile che ha saputo realizzare il suo sogno con tenacia e determinazione. Atelier Versace è, come viene descritto sul proprio sito, “concepito per trasformare i sogni in realtà”. Non solo quelli realizzati a mano con i tessuti più pregiati, ma anche quelli fatti di sacrifici e studio, come è capitato ad Angelo. Link della campagna pubblicitaria https://www.instagram.com/tv/B4CvvFbphpe/?igshid=1290t3hh2pt4s

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

  • Focolaio Polignano, salgono a 168 i positivi: 5 sono a Villa Castelli e 2 ad Ostuni

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

  • Lecce, shopping nel centro commerciale senza pagare: arrestata una brindisina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento