E' morto Giovanni Barretta: il palombaro diventato armatore

Cominciò nel 1946 con il fratello Domenico. Dal 1952 la loro impresa di rimorchio sempre in crescita

BRINDISI – E’ morto all’età di 91 anni, la notte scorsa nella sua abitazione, e dopo una lunga malattia che lo costringeva a letto, Giovanni Barretta, uno degli imprenditori più importanti della città e fondatore assieme al fratello Domenico di una delle più note imprese di rimorchio marittimo italiane. La storia personale dell’armatore Giovanni Barretta e del fratello appartengono all’epopea dei recuperi subacquei dell’immediato dopoguerra, quando bisognava trasformare in lavoro il ferro dei milioni di tonnellate di naviglio affondato lungo le coste e nei porti italiani, e bonificare i campi di mine.

La piccola ditta dei fratelli Barretta cominciò dal relitto della nave ausiliaria Asmara, colata a picco mentre tentava di raggiungere il porto di Brindisi a rimorchio dopo aver ricevuto un siluro da un sottomarino inglese. L’Asmara affondò a circa tre miglia dall’imbocco del porto, su un fondale non impegnativo, e a portata delle attrezzature da lavoro dei palombari dell’epoca. Per finanziarie il recupero, i fratelli Barretta dovettero ovviamente acquistare un pontone con l’anticipo garantito da un imprenditore del Nord, che avrebbe ottenuto i materiali ferrosi recuperati.

Furono anni di lavoro durissimo e di lunghe immersioni per Giovanni e Domenico Barretta, ma nel 1952 – saldato il debito – l’impresa ottenne le autorizzazioni per esercitare l’attività di rimorchio nel porto di Brindisi. E da quel momento Giovanni e Domenico Barretta non si sono più fermati. Sono passati al rimorchio e ai salvataggi offshore, ai servizi per le imprese petrolifere, al trasferimento di piattaforme e pontoni.

Ora, dopo quasi 60 anni, l’azienda è nelle mani delle nuove generazioni della famiglia, ha una cinquantina di dipendenti, cinque rimorchiatori di recente costruzione e tre pontoni. La sede operativa e sociale è sempre lì, alla banchina del rione Sciabiche, a due passi dalla base della Marina Militare e dall’ex arsenale, oggi la terza Stazione navale per importanza. Un monopolio conquistato con grandi investimenti e con una politica aziendale che ha costruito solidi rapporti con i committenti pubblici e privati.

L’impresa Barretta, proprio per il ruolo svolto nel porto, è stata spesso al centro di contestazioni – una delle ultime, quella sull’auspicato trasferimento nel porto industriale della flottiglia rimorchiatori – ma molto raramente Giovanni e Domenico Barretta sono intervenuti per respingere le polemiche, incentrate sulla loro mai scalfita influenza commerciale. Dal primo pontone del 1946, il Tenax, all’ultimo rimorchiatore varato, che porta non a caso lo stesso nome, la storia dei due fratelli continua ad essere legata a quella banchina di via Thaon de Revel.

Le esequie di Giovanni barretta si svolgeranno domani mattina, venerdì 16 novembre, alle 9,30 in Cattedrale a Brindisi. Ci sarà tutto il mondo degli operatori marittimi brindisini, e non solo, assieme a figli e nipoti chiamati alla direzione dell’impresa, ai dipendenti e ai vecchi amici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva smarrito la bici e scritto un biglietto per ritrovarla: la polizia gliene regala una nuova

  • La spiaggia libera? E' mia, e me la gestisco io

  • Furti d'auto in trasferta: identificati e arrestati due brindisini

  • Dal cantiere alle campagne: arrestati i vertici dell'Anonima rifiuti

  • Era senza, gli prestano mascherina. Il capotreno lo fa scendere

  • Brindisi: i carabinieri scoprono undici furbetti del reddito di cittadinanza

Torna su
BrindisiReport è in caricamento