Si può uscire per curare i randagi, ma con autocertificazione

Il sindaco di Brindisi chiarisce che esiste una precisa disposizione ministeriale per canili e colonie feline

BRINDISI – Il permesso di utilizzare le autocertificazioni è esteso anche alla cura degli animali, e non solo delle persone. Quindi, spiega il sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi, tale permesso non è limitato al recarsi presso studi veterinari o pet shop, ma si deve intendere esteso anche all’alimentazione dei gatti delle colonie feline, che sono tutelate da una legge nazionale e da una regionale, ma anche regolamentate da raccomandazioni comunali, come nel capo della città capoluogo.

gatti - colonie feline 4-3

Rossi comunica di aver fatto il punto con il prefetto e il questore “per ribadire che il Ministero della Salute con nota del 12 marzo 2020 ‘Sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare’ disciplina anche l’accudimento di canili, gattili e colonie feline, autorizzando la cura degli animali tramite modulo di autocertificazione”.

“Gli spostamenti relativi alla cura degli animali di affezione rientrano nell'ambito della deroga relativa ai motivi di salute, in quanto sono da estendersi anche alla sanità animale, in conformità delle disposizioni previste nei Dpcm 8, 9 e 11 marzo 2020. Chi effettua gli spostamenti per le motivazioni citate nella nota, dovrà utilizzare il modulo di autocertificazione”, raccomanda però il sindaco Rossi.

Un altro ospite del canile di Brindisi-3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda la toilettatura, non prevista invece nella nota ministeriale, essa è sanzionabile secondo il sindaco Rossi. Bisognerebbe però, verificare se tale tipo di intervento ha solo finalità estetiche e pertanto non legate al mantenimento in salute dell’animale, o se ha finalità di cura come disinfestazioni, riduzione del mantello nei mesi caldi, pulizia non effettuabile in casa, eccetera. La questione, pertanto, è controversa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • "Da venerdì scuole chiuse in Puglia": Emiliano firma l'ordinanza

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Virus: schizzano i contagi, chiuse altre scuole nel Brindisino

  • Trovata morta nell'auto in cui viveva: dramma della solitudine al cimitero

  • Coronavirus, continuano ad aumentare i nuovi positivi e i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento