Attualità

Extravergini 2021: l’Olio di San Vito nella guida di Slow food

Prestigioso riconoscimento per l’azienda di Raffaele Chionna grazie al prodotto inserito fra i top

SAN VITO DEI NORMANNI- L’ “Olio di San Vito” è stato recensito e inserito nella guida agli extravergini 2021 redatta da Slow food, e dunque piace e oggi se ne ha l’ennesima conferma.

Raffaele Chionna, titolare dell’azienda agricola “Olio di San Vito” nata nel 2014 e che sorge nel cuore della Puglia, ha ricevuto il prestigioso riconoscimento di lavorare per ricercare e tutelare la biodiversità e la tradizione agricola su terreni di proprietà da generazioni.

IMG_1250-26-02-21-10-13-2

Si tratta di oliveti, molti dei quali composti da alberi secolari, che consentono di produrre olio extravergine di oliva di categoria superiore, anche grazie agli innovativi sistemi di raccolta con abbacchiatore a pettine e scuotitore e reti che fanno in modo che l’oliva non tocchi terra venendone contaminata.

Dunque, dell’ “Olio di San Vito”, che produce cultivar dalle tradizionali Cellina di Nardò e Ogliarola ai più moderni Cima di Melfi, Leccina e Frantoio, è stato riconosciuto il pregio organolettico e l’attenzione sulla qualità degli oli prodotti con tecniche produttive sostenibili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Extravergini 2021: l’Olio di San Vito nella guida di Slow food

BrindisiReport è in caricamento