Attualità

Avis, giornata di donazione per contrastare l’emergenza sangue

Domenica 23 agosto la raccolta sarà gestita su prenotazione, organizzando i flussi di donatori in intervalli di 30 minuti dalle 8:00 fino alle 11:30

ORIA - L'Avis Oria è pronta per una nuova giornata di donazione del sangue prevista per domenica 23 agosto, dalle 8 fino alle 11.30 presso il centro di raccolta fisso di via Frascata, dopo il record della donazione del 29 luglio chiusa con 61 esami emocromocitometrici e 48 sacche raccolte. "Purtroppo l’emergenza sangue nella nostra provincia è tornata ad acutizzarsi nel mese di agosto - si legge in una nota di Avis Oria - e siamo nuovamente chiamati ad operare per tamponare le nuove criticità, consapevoli che il caldo e le condizioni meteo favorevoli portano spesso i donatori, anche i regolari, a rinviare in autunno il proprio appuntamento con la solidarietà".

L’associazione informa che fino a nuove disposizioni si continueranno a rispettare le misure di sicurezza adottate finora, tutelando il donatore, evitando l'assembramento di persone e cercando allo stesso tempo di diminuire i tempi di attesa. Anche domenica 23 agosto, quindi, la raccolta sarà gestita su prenotazione, organizzando i flussi di donatori in intervalli di 30 minuti dalle 8:00 fino alle 11:30. È possibile prenotarsi al numero 334 9072180 o mediante App AvisNet. L’invito è rivolto, in particolare, ai giovani e alle persone in buono stato di salute. Avis ricorda che i potenziali donatori possono consumare una leggera colazione, a base di caffè, the o camomilla, preferibilmente non zuccherati, e fette biscottate o frutta fresca. L’assunzione di latte e derivati, così come di brioche, cornetti e altri cereali raffinati e farciti, sarà motivo di esclusione. In linea generale, non è consentita l’assunzione di Fans (farmaci dall'effetto antinfiammatorio, analgesico ed antipiretico) nei 5 giorni precedenti la donazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avis, giornata di donazione per contrastare l’emergenza sangue

BrindisiReport è in caricamento