menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ostuni, piano anti-corruzione: la proposta del M5S

Il gruppo di attivisti promuove l’attivazione del progetto nazionale AlboPop, del WiFi gratuito in piazza e più partecipazione democratica regolamentata

OSTUNI- “Attivazione dei Feed Rss in tutte le sezioni del sito istituzionale del Comune attraverso il progetto nazionale AlboPop, permanenza degli atti disponibili sul portale web anche dopo il periodo di pubblicazione previsto, attivazione del WiFi gratuito e redazione di un regolamento attuativo della democrazia partecipata”: sono queste le proposte del Movimento 5 Stelle cittadino presentate al Segretario generale, Responsabile per la prevenzione della corruzione e della trasparenza Francesco Fumarola, nella giornata di oggi, 30 dicembre, relative all’aggiornamento annuale del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza 2020-2022.

“Fra gli strumenti proposti per raggiungere gli obiettivi di prevenire o ridurre il rischio di corruzione nonché di garantire un livello adeguato di trasparenza e un maggior coinvolgimento anche degli attori esterni, quali cittadini e organizzazioni portatrici di interessi collettivi - si legge nella nota del Movimento - abbiamo pensato all’attivazione dei Feed Rss in tutte le sezioni del sito istituzionale del Comune e alla realizzazione di una piattaforma innovativa ed efficace dal punto di vista della “Trasparenza Amministrativa” che consenta ai cittadini, o a chiunque abbia interesse, di essere aggiornato immediatamente delle pubblicazioni avvenute sull’albo pretorio online del Comune di Ostuni tramite notifica sul proprio smartphone. A titolo esemplificativo, sarebbe possibile realizzare un canale su piattaforma telegram aderendo al progetto di portata nazionale denominato “AlboPop”, totalmente gratuito per l’amministrazione e liberamente accessibile.

Per garantire, invece, l’assoluta trasparenza ed accessibilità degli atti pubblicati nell’Albo Pretorio OnLine – prosegue la nota - chiediamo che gli atti siano resi disponibili sul portale web anche trascorso il periodo di pubblicazione previsto, adottando gli opportuni accorgimenti per la tutela dei dati personali, così come previsto dal provvedimento del Garante della privacy n.243 del 15.05.2014.

Inoltre, riteniamo auspicabile la redazione di un regolamento attuativo della democrazia partecipata che coinvolga maggiormente il cittadino nelle scelte politiche anche attraverso l’implementazione di strumenti di democrazia elettronica partecipata e diretta, come previsto dal decreto legislativo n.82 del 7 marzo 2005, ed accessibili con l’utilizzo dell’identità digitale.

Riteniamo sia importante anche la promozione di incontri stampa periodici con il Sindaco e gli Assessori che riferiranno le attività ed iniziative promosse nonché quelle svolte ed i relativi costi sostenuti per realizzarle, affinché il cittadino interessato possa conoscere, controllare e valutare l’operato dei propri amministratori; a tal fine sarebbe utile pubblicare una newsletter o rendiconto riepilogativo delle varie attività svolte per informare il cittadino e renderlo parte attiva.

Per concludere, parte integrante della trasparenza, sono gli strumenti forniti ai cittadini per accedere alle informazioni e in tal ottica chiediamo di promuovere il WiFi gratuito cittadino, anche aderendo al progetto nazionale “Piazza WiFi Italia” già presente in molti comuni italiani, che non deve essere inteso come una mera e semplice connessione dati per la navigazione internet, bensì come un canale di veicolazione di informazioni e comunicazioni verso cittadini e/o turisti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bandiera Blu 2021: ecco le migliori spiagge nel Brindisino

Alimentazione

I motivi per cui il peso varia da un giorno all'altro

Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento