Mangia funghi velenosi raccolti nel bosco, donna intossicata: è fuori pericolo

Una 59enne di Ostuni si è recata ieri, venerdì 16 ottobre, al pronto soccorso con sintomi quali tremori, vomito e diarrea

OSTUNI - Ha mangiato dei funghi velenosi preparati sott'olio e raccolti nel bosco e subito ha manifestato tremori con brividi di freddo, vomito e diarria. Tempestivo è stato l'intervento dei sanitari del pronto soccorso su una donna, 59enne, che si è presentata ieri, venerdì 16 ottobre, all'ospedale di Ostuni, per salvarle la vita. I medici del pronto soccorso, infatti, hanno subito contattato l’esperto reperibile del centro di controllo micologico, attivo dal 1998 nel dipartimento di prevenzione della Asl di Brindisi e diretto da Liborio Rainò. Il micologo ha effettuato un’indagine epidemiologica volta a identificare la specie fungina responsabile dell’evento. Sono stati sottoposti alla visione del tecnico della prevenzione funghi simili a quelli che hanno causato l'intossicazione, riconosciuti come Boletus Satanas, il cosiddetto “porcino malefico”, Boletus Rhodoxantus e Leccinum. A quel punto, in collaborazione con il centro Antiveleni, è stata disposta la terapia corretta. La donna è fuori pericolo. A raccontare i dettagli dell’episodio Gianpaolo Amatori, micologo del centro di controllo.

“Ieri mattina (venerdì 16 ottobre) – dice - il marito della donna, come fa da anni, è andato a raccogliere funghi nel bosco ostunese di San Biagio, e li hanno poi preparati sott’olio. Questa volta l'imperizia ha colpito e i funghi hanno intossicato la moglie del raccoglitore, che ha manifestato tremori con brividi di freddo, vomito e diarrea. Le prime piogge che fanno seguite a giornate calde e umide favoriscono la fuoriuscita dei funghi. Quello di ieri - continua Amatori – è stato il secondo caso in questa stagione e non sempre va a finire bene: ci si deve rivolgere al centro della Asl, che si avvale di tre micologi e due laboratori per il riconoscimento delle specie attraverso le spore”. Il centro micologico, infatti, è impegnato nel controllo delle partite di funghi spontanei immessi nel circuito commerciale, con il rilascio del certificato di commestibilità, nonché nell’attività di consulenza e certificazione micologica, gratuita, nei confronti dei raccoglitori occasionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ogni anno – continua Amatori – si verificano 50, 60 intossicazioni e nel 2019 c’è stato un episodio mortale. Nel malaugurato caso d'intossicazione bisogna immediatamente recarsi in ospedale portando eventualmente residui dei funghi cotti, scarti di pulizia o prodotto ancora integro, per permettere l'individuazione della specie”. “Rinnoviamo l’invito – dice ancora Amatori - a non acquistare o accettare funghi raccolti da persone sprovviste del patentino rilasciato dopo un corso. Anche le persone autorizzate, in ogni caso, sono tenute a mostrare il raccolto agli specialisti della Asl, prima di commercializzarlo. Chi non si attiene a tali prescrizioni è passibile di sanzioni amministrative”. I funghi vanno cotti per almeno 25-30 minuti in umido, poiché scarsamente digeribili, e consumati soltanto in piccole quantità come condimento o contorno e non in pasti ripetuti e frequenti. I funghi spontanei possono essere mangiati solo se si è in buona salute e non sono consigliati ad anziani, bambini e donne incinte. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Da venerdì scuole chiuse in Puglia": Emiliano firma l'ordinanza

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Virus: schizzano i contagi, chiuse altre scuole nel Brindisino

  • Trovata morta nell'auto in cui viveva: dramma della solitudine al cimitero

  • Coronavirus, continuano ad aumentare i nuovi positivi e i ricoveri

  • Oltre duemila ulivi secolari ancora vivi grazie a cure naturali: la testimonianza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento