menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ostuni. Hic et nunc sul futuro dell'ospedale: "Subito un tavolo di lavoro"

L'associazione esorta la politica cittadina ad abbandonare le contrapposizioni ma programmare l'offerta del presidio

OSTUNI - Riceviamo e pubblichiamo una nota dell'associazione "Hic et nunc" di Ostuni sulla situazione dell'ospedale cittadino con la richiesta alle parti politiche ed amministrative di mettere da parte del contrapposizioni e lavorare per programmare l'offerta del presidio.

"Apprendere dai mezzi di stampa il ping pong fra la direzione generale della Asl e l’Amministrazione comunale relativamente alle sorti dei reparti di Ortopedia e Chirurgia dell’ospedale di Ostuni, lascia alquanto esterrefatti. Evidentemente non basta l’emergenza sanitaria in corso, una crisi economica senza precedenti, una tensione sociale crescente, per superare steccati un tempo comprensibili, ma, francamente oggi assolutamente inspiegabili. Si sta gestendo una pandemia mondiale con provvedimenti di urgenza giornalieri e non si riesce a trovare la quadra su una questione di così basso profilo.

Questa riflessione non vuole toccare i contenuti tecnici, lo lasciamo fare agli addetti ai lavori, ma esplorare il metodo, il come si arriva alle scelte, come si formano le decisioni, contestualizzando il momento. Appare paradossale come sia stato possibile, solo a pochi chilometri di distanza, a Cisternino, rendere funzionante in 20 giorni un presidio post covid, ovvero ancora realizzare in 10 giorni 200 nuovi posti letto permanenti negli spazi di Fiera Milano e qui in Ostuni, invece, si parla da anni di riprogrammazione dell’offerta sanitaria territoriale senza mai giungere ad una soluzione, senza sapere quale sarà la sorte del nostro ospedale e della 'nuova' piastra mai ultimata, per finire a non riuscire a trovare il modo per affrontare scelte ben più semplici come quella di eseguire una banalissima ristrutturazione, finalizzata all’adeguamento normativo di due reparti.

E’ evidente allora che il problema è nel metodo. E allora solo un‘esortazione. Basta con le prove di forza, la comunità è confusa, vuole chiarezza, rapidità, trasparenza, lungimiranza. Che, banalmente, si costituisca subito un tavolo di lavoro e si affronti il tema, decidendo in poche ore, per poi pensare immediatamente al futuro, programmando quella che sarà l’offerta del nostro presidio, senza perdere ulteriore tempo, lavorando sin da subito per farci trovare pronti allorquando saranno disponibili le risorse del Mes. Un invito quindi, accorato più che mai visto il momento storico che stiamo vivendo, basta con le contrapposizioni, sforziamoci per trovare la giusta ed equilibrata sintesi nelle scelte ed andiamo avanti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento