Ostuni. Si scrive Valle d’Itria si legge bellezza, i Comuni insieme per ripartire

Ostuni, Alberobello, Ceglie, Cisternino, Locorotondo e Martina Franca insieme per rilanciare il territorio in vista della stagione estiva

OSTUNI -  Riceviamo e pubblichiamo una lettera a firma degli assessori al turismo Guglielmo Cavallo (sindaco di Ostuni con delega al turismo), Antonella Ivone (Alberobello), Francesca Tozzi (Cisternino), Ermelinda Prete (Locorotondo) e Gianfranco Palmisano (Martina Franca) insieme per la ripartenza in sicurezza in vista della stagione estiva e turistica 2020.

"Le condizioni di lockdown determinata dal Covid-19, nemico invisibile e silente che colpisce senza alcuna differenza di territori, ha costretto tutti a cambiare il proprio stile di vita rendendolo anche più lento. Ma la lentezza non ci spaventa perché il turismo lento e sostenibile è sempre stato una nostra caratteristica. I nostri Comuni hanno lavorato, dall’inizio dell’emergenza, per garantire sicurezza ai cittadini e siamo fortemente impegnati a mantenere gli stessi standard per coloro che verranno a trovarci. Si scrive Valle d’Itria, si legge bellezza perché questa è la vocazione di questa terra. Camminando fra le stradine che uniscono i Comuni di Alberobello, Ceglie, Cisternino, Locorotondo, Martina Franca e Ostuni si ha la sensazione, nonostante l’appartenenza di queste cittadine a tre Province diverse, di essere in un unico territorio. Gli ulivi, i trulli, i muretti a secco, i tratturi, le masserie, il paesaggio che degrada fino al mare adriatico e tutte le nostre peculiarità fanno di questa terra un luogo singolare dove l’architettura dei padri si fonde con le bellezze naturali, il paesaggio si interseca con le terrazze, il colore bianco della calce dei centri storici riflette la luce riempiendo lo sguardo di una magia senza tempo.

La Valle d’itria si nutre di turismo, è il fulcro della nostra economia e mai come quest’anno è uno dei migliori luoghi in Italia per chi non vuole rinunciare ad una vacanza, è uno posto dove soggiornare in sicurezza senza tuttavia rinunciare al benessere. Trascorrere qui le proprie ferie vuol dire vivere una esperienza di vita, stare distanziati nell’agro diffuso ma fruire di servizi confortevoli e di ottimo cibo, fare una vacanza bella, sicura e non massiva. Valle d’Itria è dove gli abitanti non si sentono padroni assoluti di questa terra, ma madri e padri attenti che rispettano l’armonia e i ritmi delle stagioni e che accolgono i visitatori con un grande senso di ospitalità. Negli ultimi anni i Comuni della Valle d’Itria presentano un calendario di eventi condiviso per offrire a residenti e turisti una offerta diversificata che elimina i confini territoriali, oltre ad importanti manifestazioni culturali e rinomati festival. Siamo, da sempre, una comunità unita pronta ad affrontare  nuove sfide. Insieme. La Valle d’Itria è un unicum. Pertanto se prima del Covid abbiamo sentito la necessità di fare sistema a maggior ragione tale necessità ora è più che mai vitale perché da soli non si va da nessuna parte".

Gli assessori al turismo

Guglielmo Cavallo (sindaco di Ostuni con delega al turismo)

Antonella Ivone (Alberobello)

Francesca Tozzi (Cisternino)

Ermelinda Prete (Locorotondo)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gianfranco Palmisano (Martina Franca)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Incidente in campagna: padre con la motozappa travolge il figlio

  • Prima svolta, indagato il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Scu, estorsioni nelle campagne: “Un euro per ogni quintale di grano prodotto”

  • Ospedale Perrino: la gestione dei parcheggi in mano alla Scu

  • Morte bianca di Francesco Leo: l'azienda patteggia la pena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento