Domenica, 14 Luglio 2024
Attualità

Pace e disarmo al centro della settimana clou di Legalitria 2022

Gli eventi, che vedranno alternarsi importanti ospiti, si terranno tra il 21 e il 25 novembre nei comuni di Alberobello, Cisternino, Fasano, Locorotondo, Martina Franca, Erchie, Manduria e Torre Santa Susanna

Sono la pace e il disarmo i temi al centro della settimana clou di Legalitria 2022. Gli eventi, che vedranno alternarsi importanti ospiti, si terranno tra il 21 e il 25 novembre nei comuni di Alberobello, Cisternino, Fasano, Locorotondo, Martina Franca, Erchie, Manduria e Torre Santa Susanna. Così, il format culturale declinerà il concetto di legalità attraverso importanti focus in modo da rimarcare una posizione netta per far comprendere ai giovani pugliesi che le mafie sono in primo luogo ghiotte di armi e che proprio nei conflitti vedono uno strumento per aumentare la loro presa sulla società.

Radici Future produzioni in collaborazione con la regione Puglia, mette insieme associazioni, Comuni, media e soprattutto scuole, luoghi di elezione per promuovere, difendere e diffondere i principi di accoglienza e Pace primi veri costruttori di legalità. Una settimana dedicata, quindi, alla formazione delle giovani generazioni, nella convinzione che l’educazione alla legalità debba partire fin da piccoli ed essere uno degli obiettivi di istituzioni, associazioni e cittadini.

"La presenza di Toni Mira e Giancarlo Caselli - sottolinea Leonardo Palmisano, direttore artistico di LegalItria - segnala il nostro impegno a favorire l'approfondimento tematico con grandi personalità italiane impegnate nell'antimafia. Un grazie particolare va anche a Donato Pentassuglia la cui partecipazione ai nostri eventi testimonia l'essenziale sinergia tra i progetti della nostra associazione e l'amministrazione regionale".

La Locandina di Legalitria 2022

Dal 2019 la regione Puglia è dotata di un Testo unico sulla legalità e di una programmazione su tutto il territorio regionale anche con iniziative di antimafia sociale volte al rafforzamento della lotta non repressiva alla criminalità mafiosa e organizzata e, più in generale, al contrasto della mentalità mafiosa. Donato Pentassuglia nell’accogliere l’invito di Legalitria a partecipare attivamente con la sua presenza al festival ha sottolineato come “un evento culturale che racconta e promuove la cultura della legalità e che fa tappa proprio a Martina Franca, mi emoziona e inorgoglisce. Innanzitutto perché mi vede coinvolto come cittadino della mia città natale, comunità di pace e di accoglienza, poi come assessore di una Regione, la Puglia, che in questi anni ha intrapreso numerose azioni di prevenzione alle mafie e alle azioni criminali, nei diversi settori produttivi”.

Nutrito il cartellone degli eventi. Oltre a Gian Carlo Caselli, Toni Mira, Donato Pentassuglia e Leonardo Palmisano interverranno - tra gli altri - Giacomo Talignani, Florisa Sciannamea, Antonella Iaschi, Trifone Gargano, Alessandro Schino e Ilaria De Vanna. Il festival, giunto alla sua quinta edizione, da sempre punta all’educazione dei ragazzi e alla sensibilizzazione dei cittadini al tema della legalità e quest’anno accende i propri riflettori, oltre che sulla pace e sul disarmo, sull’importanza dell’integrazione e del recupero delle persone sottoposte a limitazione della libertà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pace e disarmo al centro della settimana clou di Legalitria 2022
BrindisiReport è in caricamento