rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Attualità

Parcheggi a servizio delle spiagge: il Comune si rivolge ai privati

Anche quest’anno avviata la procedura per l’utilizzo di aree di proprietà privata sulla litoranea nord di Brindisi, data la carenza di parcheggi pubblici

BRINDISI – Anche quest’anno l’amministrazione comunale di Brindisi si rivolge ai privati per reperire nuovi parcheggi a servizio di spiagge e stabilimenti balneari, sulla litoranea nord. La Giunta guidata dal sindaco Marchionna ha dato mandato ai dirigenti dei settori interessati e al comandante della Polizia Locale, di attivarsi per il reperimento delle aree. I parcheggi saranno attivi dall’1 giugno al 30 settembre, nelle more dell’avvio e del completamento del procedimento per la realizzazione di parcheggi pubblici con il partenariato pubblico – privato.

Analogo iter era stato già seguito dall’amministrazione Rossi, nelle precedenti stagioni estive. L’utilizzo dei terreni privati scaturisce dalla carenza di parcheggi pubblici sulla strada costiera, da cala Materdomini fino ad Apani. Non si può fare altrimenti per evitare il fenomeno della sosta selvaggia, con inevitabili ripercussioni sulla viabilità e sulla sicurezza dei fruitori delle spiagge, per non parlare dell’impatto ambientale.

L’amministrazione comunale pone una serie di paletti: il nuovo temporaneo uso non dovrà comportare trasformazioni dell’assetto esistente dell’area, che saranno vietate; l’uso di aree a parcheggio dovrà avvenire senza esecuzione di opere e le stesse aree individuate dovranno essere accessibili dalla rete stradale esistente senza necessitare di alcuna modifica e/o trasformazione; non potranno essere utilizzate le aree agricole con colture in atto, le aree qualificate ad alto pericolo idrogeomorfologico, le aree collocate nel letto di torrenti, le aree interessate da o prossime a situazioni di frana della falesia costiera, le aree con vincolo archeologico e ambientali. 

E poi: sarà vietato aprire nuovi varchi non autorizzati nelle recinzioni vecchie e/o nuove esistenti delle aree implicate e in particolare sarà vietata la demolizione totale o parziale di muri a secco; i varchi esistenti di ingresso e uscita dalle dette aree dovranno essere adeguatamente segnalati in situazione diurna e notturna a cura e spesa dei proprietari o possessori o locatari delle stesse ciò al fine di evitare incidenti stradali; il parcheggio non sia operativo nei giorni di allerta meteo per rischio idrogeologico e temporalesco in base alle comunicazioni della protezione civile.

Rimani aggiornato sulle notizie dalla tua provincia iscrivendoti al nostro canale whatsapp: clicca qui.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parcheggi a servizio delle spiagge: il Comune si rivolge ai privati

BrindisiReport è in caricamento