Laboratorio Until: pausa di riflessione Onu, ma Brindisi resta in lizza

Le Nazioni unite stanno ripensando le modalità con cui presentare il progetto. Saltata la visita del ministro Pisano

BRINDISI – L’Onu si prende una pausa di riflessione sul progetto Until. Per questo è saltata la visita a Brindisi prevista per lo scorso 22 gennaio da parte del ministro dell’Innovazione, Paola Pisano. Da quanto appreso, le Nazioni Unite stanno ripensando le modalità con cui presentare il progetto, che potrebbe anche acquisire una nuova denominazione.

Già presente in Egitto, Finlandia, India e Malesia, il laboratorio di innovazione Until è un centro di tecnologia innovativa progettato per revisionare, costruire, adottare e attuare soluzioni etiche e tecnologiche per superare le sfide che gli Stati membri stanno affrontando. Lo scorso dicembre erano state annunciate le candidature di Brindisi e Torino alla procedura avviata dalle Nazioni unite per l’apertura di una nuova sede.

Di Maio e Guterres-3

L’argomento venne affrontato dal ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, nel corso della visita al Centro Servizi Globale delle Nazioni Unite (Ungsc) di Brindisi effettuata lo scorso 19 dicembre dal segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres.

“Guardiamo con favore – affermò Di Maio - all’idea di aprire in Italia, nei poli Onu di Brindisi e di Torino, due lab Until che potrebbero rappresentare incubatori efficaci di idee e tecnologie innovative all’interno del sistema Nazioni Unite, nel settore privato, nell’Università e nella società civile. Insieme al ministro Pisano confidiamo che il progetto prosegua e confermiamo l’impegno dell’Italia a lavorare insieme per sostenere le attività dell’Onu, creando nel frattempo un importante valore aggiunto per il territorio”.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il passo successivo, dunque, era atteso per il 22 gennaio, quando Paola Pisano avrebbe dovuto presentare la candidatura di Brindisi. Ma senza alcuna comunicazione ufficiale, l’appuntamento con il ministro, di fatto, è saltato. Questo ha alimentato qualche preoccupazione riguardo alla possibilità che il laboratorio di innovazione tecnologica potesse allontanarsi da Brindisi. Ma in realtà, a quanto pare, l’amministrazione comunale avrebbe ricevuto rassicurazioni sul fatto che la rivisitazione del progetto non dovrebbe in alcun modo compromettere la candidatura di Brindisi, che resta in lizza per ospitare il laboratorio presso il proprio polo Onu. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Focolaio Polignano, salgono a 168 i positivi: 5 sono a Villa Castelli e 2 ad Ostuni

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

  • Lecce, shopping nel centro commerciale senza pagare: arrestata una brindisina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento