Luis Sepulveda nei pensieri degli alunni di una IV elementare

Una classe della scuola “Paolo Borsellino” ricorda gli insegnamenti dello scrittore cileno che li ha accompagnati fin dalla prima elementare

MESAGNE- Chi era Luis Sepulveda per i bambini? Lo scrittore cileno scomparso nella giornata di ieri, 16 aprile, lascia un vuoto nella letteratura mondiale e negli occhi di chi, fin da bambino, ha scoperto nelle pagine di “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”, “Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico”, “Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa”, l’amicizia, l’uguaglianza, la natura e i valori della vita di ognuno che fanno girare il mondo.

I ragazzi della quarta elementare della scuola Paolo Borsellino sono rimasti così scossi dalla scomparsa di Luis Sepulveda che, guidati dalla maestra Marinella Lupoli hanno voluto mettere nero su bianco i propri pensieri rivolti a chi avrebbero desiderato  conoscere, ma di cui conserveranno un profondo ed emozionante ricordo che li accompagnerà per tutto il resto della loro vita.

“Sull’orlo del baratro ha capito la cosa più importante “ miagolò Zorba. “ Ah sì? E cosa ha capito? chiese l’umano.” Che vola solo chi osa farlo” miagolò Zorba. (“Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare” Oggi sei volato via anche tu…ma come un’ Araba Fenice ti sei preparato alla morte sapendo che rinascerai ogni volta che leggeremo un tuo libro

Valentino Bianco

Dopo la morte di “Luis Sepùlveda io penso che esistono tanti scrittori ma nessun’ altro scriverà come lui perché ognuno ha il suo modo di scrivere e Sepùlveda mi ha insegnato attraverso i racconti nei libri valori come la solitudine, la diversità, l’ uguaglianza e il rispetto per la natura.

Marta Guarini

È molto facile accettare e amare chi è uguale a noi, ma con qualcuno che è diverso è molto difficile, e tu ci hai aiutato a farlo. “Vola solo chi osa farlo”. Coronavirus io ti odio, chi scriverà adesso i libri per noi bambini? Mi dispiace moltissimo per Sepulveda, i suoi racconti mi hanno insegnato tante cose e mi hanno fatto emozionare. Lo immagino in volo con il suo gabbiano…

Ivan Oliva

Luis Sepùlveda per me era un maestro, (credo lo sia stato per tutti); le sue storie contengono delle lezioni favolose, sempre vere e con un significato nascosto. Le storie per i bambini sono spiegate semplicemente, così che tutti le possano comprendere. Ad oggi possiamo solo onorarlo e sperare che un giorno potremo diventare come lui. “Vola solo chi osa farlo.”

Ludovica Serinelli

Grazie alle sue storie ho compreso l’importanza della lentezza, che bisogna fermarsi per cogliere le cose importanti della vita. Ho imparato che l’amicizia non ha limiti e può esistere anche fra diversi. Ho capito che nella vita bisogna essere coraggiosi e, come scriveva lui, “Vola solo chi osa farlo”. Ha lasciato questo mondo, ma i suoi insegnamenti sui valori della vita vivranno sempre in noi.

Cristian Albanese

Luis Sepùlveda è stato un grande scrittore di racconti bellissimi, che mi hanno aiutato a riflettere su alcuni valori importanti. “La gabbianella e il gatto” mi ha insegnato che volere è potere e che non bisogna mai arrendersi davanti alle difficoltà; “ Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa”, che ha sottolineato un aspetto negativo dell’uomo, l’avidità. A me dispiace che il mondo della letteratura abbia perso uno scrittore come Luis Sepùlveda, perché lui è riuscito a fai comprendere a noi bambini degli aspetti del genere umano che potremo migliorare solo con la volontà e l’impegno. Che possa riposare in pace.

Diego Albanese

Ieri per me è stato un giorno triste: ho ricevuto la notizia della morte di Luis Sepulveda a causa di quel brutto mostro, “ il Coronavirus”, che ci tiene chiusi in casa ormai da più di un mese: Grazie alla maestra Marinella abbiamo letto i racconti di questo grande scrittore e abbiamo riflettuto su valori come: il rispetto, l’amicizia e la condivisione. Per me Sepulveda non è morto, ma grazie a Zorba ha imparato a volare anche lui e sono sicuro che si sta rilassando e divertendo con la gabbianella e ci guardi da lassù, mentre la nostra vita procede lenta come le sue adorate lumache.

Nicolò Camassa

Il libro che mi affascinato di più è stato” Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico”; mi ha fatto capire che si può diventare amici anche se diversi. Mi è dispiaciuto molto della morte da covid-19 dello scrittore, che con i suoi libri ha fatto riflettere me e tanti altri bambini su molti valori della vita.

Martina Grassi

Il libro “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegno a volare “, ci ha insegnato come si può essere solidali. In questo brutto momento noi siamo solidali con la famiglia di Luis Sepulveda, perché senza che nessuno glielo insegnasse è volato in cielo.

Martina Grande

Mi sento molto triste dopo aver saputo che Luis Sepùlveda è morto a causa del coronavirus. Grazie alle letture dei suoi racconti, che abbiamo fatto in classe, ho imparato molto sull’uguaglianza, il rispetto degli ultimi, l’importanza della libertà di ogni essere umano, ma soprattutto, ho scoperto quanto sia bello e importante leggere. Rimarrai sempre nei miei pensieri e nel mio cuore. Ciao Luis.

Alessandro Solito

La lettura di Luis Sepúlveda ci ha accompagnato nel cammino alla scoperta dei grandi valori: il coraggio, l’amicizia, la fedeltà, il rispetto della vita. Con lui abbiamo incontrato Zorba e ne abbiamo amato la generosità, abbiamo accompagnato Ribelle, nel suo viaggio verso la libertà, abbiamo saltato sui tetti con Mix e Max, scoprendo il significato della parola lealtà e abbiamo nuotato insieme alla balena Mocha Dick nel tentativo di proteggere il mare dall’uomo. Lo immagino ora, insieme ai suoi personaggi, seduto, sorridente, sul prato all’ombra del calicanto.

Carla

Quando ho saputo della morte di Luis Sepùlveda, mi sono molto rattristata. I suoi libri, letti a scuola, mi hanno regalato tante emozioni e mi sono detta: “Ora non scriverà più e non avrò più modo di rivivere quelle sensazioni che leggendo i suoi libri mi facevano sentire nella storia”. Era uno scrittore molto creativo e mi sono immedesimata in lui, visto che sono una bambina creativa. Mancherà a molti bambini la dolcezza e la morale che veniva fuori dai suoi racconti.

Valentina Guarini

A me dispiace che sia morto Luis Sepulveda, perché avrei voluto leggere altri suoi libri con i miei compagni di classe. Quello che più mi è piaciuto è stato “Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa”, perché il tema dell’ambiente, specialmente marino, mi sta molto a cuore, in quanto amo il mare. Buon viaggio Luis, ovunque tu sia andato. Immagino che continuerai a scrivere tanti altri bellissimi libri per noi bambini.

Matteo Perrucci

Luis Sepùlveda non ha avuto una vita facile, però è sempre riuscito a metterci il cuore quando scriveva i suoi libri. Da giovane, nel 1973, per motivi politici, viene catturato e torturato. Resta chiuso in una cella stretta e bassa per sette mesi prima di essere scarcerato. Luis Sepùlveda ha lottato per i diritti dell’uomo. Amava la vita e ha sempre lottato per viverla. Egli aveva una grande passione per la scrittura, infatti il suo desiderio era di diventare sempre più bravo. A me sembrava un uomo felice, poche volte era triste perché aveva sempre il sorriso stampato sulla faccia. Nella sua vita ha viaggiato molto. In particolare il suo viaggio in Ecuador gli ha fatto scoprire l’amore per la natura. Tra i suoi libri quello che ho preferito è stato “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”. Ho apprezzato la trama che racconta di una bella amicizia, in cui i protagonisti si aiutano a vicenda. Mi è dispiaciuto moltissimo essere venuto a conoscenza della notizia della sua morte. Questo grande uomo e grande scrittore, dal carattere coraggioso, rimarrà sempre nei miei ricordi. Conoscere la sua vita mi ha insegnato tante cose della vita.

Ismaele Punzi

Grazie a Luis Sepulveda e ai suoi libri ho capito che le differenze non sono e non devono essere un limite, ma che ci possono solo migliorare. Un grande insegnamento che rimarrà sempre con me!

Rizzo Maria Grazia

Per me lo scrittore Luis Sepulveda era un bravissimo scrittore. Tutti i libri che abbiamo letto e analizzato in classe sono stati davvero interessanti e belli. A me dispiace tanto che non potrò leggere altri nuovi libri da lui scritti. Riposa in pace.

Simone Pisani

Sapere che lo scrittore dei libri che ci ha accompagnato dalla prima elementare ad oggi non è più con noi, mi rende triste. Sepulveda mi ha fatto scoprire il vero senso dell’amicizia, dell’amore, della diversità; l’importanza del credere nei propri sogni; mi ha insegnato il coraggio per superare la paura. Grazie!

Greta De Mitri

E’ un peccato che tu sia volato in cielo, perché hai donato al mondo tanti bei pensieri. Ci mancherai.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ismaela Coppola

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Coronavirus: nuovo picco in Puglia, contagi in aumento a Brindisi

  • Un contributo a fondo perduto fino a 40mila euro per gli artigiani

  • Bambino positivo al Covid: lo sfogo della zia, contro ignoranza e maldicenze

  • Coronavirus, escalation di ricoveri. Nel Brindisino continuano ad aumentare i positivi

  • Migrante investito da un neopatentato: tragedia sulla provinciale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento