Martedì, 15 Giugno 2021
Attualità

Dopo 40 anni di servizio va in pensione Antonio Tara, l'usciere del Comune

Era stato assunto nel 1980, con il sindaco Bruno Carluccio. Durante i suoi quarant’anni di carriera ha servito venti primi cittadini

BRINDISI - Ogni mattina si svegliava presto, prendeva una tazza di caffè e poi indossava la camicia, sistemava il nodo della cravatta e infilava la giacca. Alle 7.30 era a Palazzo Nervegna, nel suo ufficio al primo piano: Antonio Tara è stato per quarant’anni l’usciere del sindaco, anzi dei sindaci. Ben venti sono quelli che ha servito, a cominciare dal primo cittadino Bruno Carluccio, eletto nel 1980. Ora va in pensione. 

Chi non si è mai imbattuto almeno una volta all’ingresso o tra i corridoi del Comune nei suoi modi gentili e cordiali, nel suo viso e sorriso che diventa subito familiare: sempre pronto non solo a dare indicazioni ma anche a salutare con simpatiche battute ogni cittadino che varcava la soglia di Palazzo di città.

Antonio Tara non lavorerà più dal 4 novembre, proprio nel giorno del suo compleanno: una buona occasione per festeggiare i 67 anni e l’addio a una carriera svolta sempre con impegno e dedizione, punto di riferimento per assessori, sindaci e dipendenti comunali. Una presenza che per quarant’anni è diventata parte del palazzo comunale e una memoria storica con tutti i suoi aneddoti, le “indiscrezioni” di Palazzo e i momenti epici da ricordare. La sintesi di una vita vissuta dietro a una scrivania, ma sempre a contatto con le persone.

Ma cosa farà da dicembre, Antonio Tara, mese in cui andrà ufficialmente in pensione? Si dedicherà ai nipoti Beatrice e Lorenzo, trascorrerà le giornate in famiglia, tra Veglie e Valdobbiadene dove vivono le due figlie. Anche se, come dice la secondogenita Valentina, “papà non perderà l’abitudine di andare al comune, la sua seconda famiglia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo 40 anni di servizio va in pensione Antonio Tara, l'usciere del Comune

BrindisiReport è in caricamento