Mercoledì, 4 Agosto 2021
Attualità

Salvo il "piano casa", il consiglio dei ministri ritira il ricorso alla Corte costituzionale

Il consigliere regionale del Pd, Fabiano Amati che ha già depositato la proposta di proroga a tutto il 2022

Il consiglio dei ministri ha deliberato di rinunciare parzialmente all’impugnativa dinanzi alla Corte costituzionale sulla legge di proroga del "piano casa" per il 2021. E' quanto annuncia il consigliere regionale del Pd, Fabiano Amati che ha già depositato la proposta di proroga a tutto il 2022. "Il Piano casa è uno strumento che assicura lavoro, riduzione di spreco di suolo e legalità - spiega Amati - permette, infatti, di assicurare migliaia di piatti a tavola per migliaia di cittadini pugliesi, di riqualificare ambiti territoriali degradati o abbandonati, di incrementare gli introiti dei Comuni a titolo di oneri di urbanizzazione, per poi realizzare investimenti.  Ringrazio i ministri Franceschini e Gelmini per la decisione, e i deputati Losacco e D’Attis per la collaborazione.

Ance Brindisi

“Abbiamo appreso la notizia che ovviamente accogliamo positivamente – commenta il presidente di Ance Brindisi, Angelo Contessa – e, anche a nome dell’Associazione che rappresento, voglio ringraziare chi ha lavorato per questo risultato, in particolare i ministri Franceschini e Gelmini e i parlamentari D’Attis e Losacco. Ora è assolutamente necessario – prosegue il numero uno dei Costruttori edili della provincia di Brindisi – che il consiglio regionale della Puglia si adoperi celermente al fine di garantire l’ulteriore proroga del Piano casa al 2022. Così facendo, si potrà consentire di avviare una giusta programmazione delle attività del comparto edile con evidenti ricadute positive sui lavoratori e sulle imprese della filiera".

"E’ sin troppo evidente, infatti, che il Piano Casa, insieme ad altri strumenti, contribuisce a rimettere in moto il comparto edilizio e, più in generale, l’intera filiera che si crea intorno alle costruzioni. Un progetto, quello del ‘fare squadra’, che vede impegnato Ance-Brindisi il cui obiettivo è di far coincidere le esigenze di settori fino ad oggi considerati scollegati uno dall’altro. Mi riferisco, in particolare, ai fornitori di materiali, alle agenzie immobiliari, agli studi professionali per le progettazioni, per la sicurezza, per le certificazioni di qualità ed ovviamente agli stessi costruttori. Il nostro impegno, da oggi in poi, sarà proprio quello di individuare sistemi di crescita complessiva, intensificando i rapporti con gli enti locali, con la Regione Puglia e con chi ci rappresenta a livello parlamentare per far crescere l’intero comparto. E’ questa la strada – conclude Contessa – che intendiamo percorrere, in armonia con gli sforzi di rilancio economico e produttivo che sta compiendo, ad ogni livello, il sistema confindustriale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvo il "piano casa", il consiglio dei ministri ritira il ricorso alla Corte costituzionale

BrindisiReport è in caricamento