menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Brindisi: Matteo Farina proclamato "Venerabile servo di Dio"

In segno di gioia e di comunione tutte le chiese dell’Arcidiocesi suoneranno le campane a festa sabato 9 maggio, alle ore 18

BRINDISI - Papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del decreto sulla eroicità delle virtù di Matteo Farina, brindisino che nel 2009 morì a soli 19 anni a causa di un tumore al cervello, già proclamato Servo di Dio.

“Da oggi -  si legge in una nota dell’arcidiocesi di Brindisi-Ostuni - Matteo è venerabile Servo di Dio. Siamo grati al santo padre, al cardinale prefetto e ai membri della Congregazione delle Cause dei Santi per il lavoro svolto nonostante le difficili attuali circostanze. É questo un passo importante verso la beatificazione che, speriamo a Dio piacendo, non sarà lontana se lo studio sul miracolo, ora in corso, darà esito positivo”.

“Un passo importante perché significa che la Chiesa riconosce che questo giovane, nato e cresciuto nella fede nella nostra Chiesa diocesana, ha vissuto eroicamente il Vangelo, con assoluta fedeltà, giorno per giorno. É un segno di speranza e di rinascita per tutti noi, in questo momento difficile: Matteo ci insegna che la fedeltà al Signore premia sempre, dona forza e serenità nelle prove della vita. Rendiamo grazie a Dio per il dono che ci ha fatto tramite Matteo. In segno di gioia e di comunione tutte le chiese dell’Arcidiocesi suoneranno le campane a festa sabato 9 maggio, alle ore 18”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

E' Anna Lucia Matarrelli la nuova comandante della polizia locale

Attualità

San Sebastiano, riconoscimento all'ex comandante Pietro Goduto

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, ancora alto il numero dei decessi in Puglia: sono 31

  • Emergenza Covid-19

    Scuola, nuova ordinanza di Emiliano: tutte le misure previste

  • Politica

    "Nubi sul bilancio, il Consorzio Asi va commissariato"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento