Attualità

Progetto “My Sea", consegnati due diorami al Parco delle Dune costiere

Le due istallazioni offriranno la possibilità di approfondire le caratteristiche e le dinamiche ecologiche di due ambienti di primaria importanza del mare Adriatico

OSTUNI – Due diorami sono stati donati dall’area marina protetta di Torre Guaceto al Parco delle Dune costiere, nell’ambito del progetto “My Sea”. Le due istallazioni giunte al parco e sistemate all’interno della casa del mare offriranno la possibilità di approfondire, attraverso moderne tecniche di museografia scientifica e didattica, le caratteristiche, la ricchezza e le dinamiche ecologiche di due ambienti di primaria importanza del mare Adriatico con particolare riferimento all’area costiera pugliese: le praterie di posidonia e i fondali sabbiosi. “Scopo delle realizzazioni è di grande ricaduta sul territorio – spiega la direttrice del Parco, Angela Milone - nello specifico si potranno organizzare giornate di educazione ambientale utilizzando le due installazioni didattiche e scientifiche, che in maniera fedele riproducono la vita marina in generale e più nello specifico, gli habitat del mediterraneo e le loro dinamiche ecologiche. Questi due ambienti, apparentemente separati, costituiscono un habitat unico e integrato di fondamentale importanza per la biodiversità.”

Le installazioni sono state realizzate dall’azienda “D’Art” di Massimiliano Lipperi, azienda leader negli allestimenti musei e grandi acquari. Il progetto intitolato “My Sea - osservatorio sui mari di Puglia per la tutela della Caretta Caretta” ha per scopo quello di razionalizzare e coordinare a livello regionale le attività inerenti le tartarughe marine con particolare riferimento ai centri di recupero e soccorso, di creare una rete di centri di recupero delle tartarughe marine della puglia come azione propedeutica all’attuazione a livello regionale delle linee guida per il recupero, soccorso, affidamento e gestione delle tartarughe marine ai fini della riabilitazione e per la manipolazione a scopi scientifici, così come definito nel piano d’azione per la conservazione delle tartarughe marine.

La partnership è costituita dai Comuni di Manfredonia, Zapponeta, Molfetta, Lecce e dal consorzio di gestione dell’area marina protetta di Torre Guaceto entro i cui territori ed entro il cui ambito di competenza gestionale, insistono ed operano centri di recupero e soccorso di tartarughe marine, rappresentativi a livello spaziale, operanti sul territorio pugliese, in possesso dei requisiti richiesti dalle linee guida.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetto “My Sea", consegnati due diorami al Parco delle Dune costiere

BrindisiReport è in caricamento