menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sprar: Rossi chiede proroga del termine del “Decreto Sicurezza 1”

Ha motivato la sua richiesta portando all’attenzione generale la circostanza che dal 1° gennaio del prossimo anno si dovrà far fronte ad una forte emergenza sociale

BRINDISI - Il Presidente della Provincia di Brindisi, Riccardo Rossi, in occasione della manifestazione indetta in data odierna per sensibilizzare il Governo e l’opinione pubblica contro la retroattività del “Decreto Sicurezza 1”, che prevede dal 1° gennaio 2020 l’espulsione dagli Sprar dei titolari di regolare permesso umanitario ricevuto prima del 4 ottobre 2018 e l’interruzione dei servizi per i richiedenti asilo, ha incontrato questa mattina il Capo Gabinetto della Prefettura di Brindisi, dott.ssa Maria Antonietta Olivieri, per chiedere al Ministero degli Interni, per il tramite della stessa Prefettura, la proroga del termine del 31 dicembre 2019.

Il Presidente Rossi ha motivato la sua richiesta di moratoria dei termini al Ministero competente portando all’attenzione generale la circostanza che dal 1° gennaio del prossimo anno si dovrà far fronte ad una forte emergenza sociale, con l’urgenza di dare una sistemazione adeguata a chi andrebbe via dagli Sprar, in assenza, tra l’altro, di una minima organizzazione periferica e di adeguate risorse economiche di competenza dei vari Comuni in cui sono allocati Sprar e Centri di accoglienza.

In secondo luogo, facendo presente che c’é una illegittimità di fondo, rispetto ai contenuti della normativa, tant’è che la giurisprudenza già si è pronunciata sulla irretroattività di quanto previsto dal Decreto Sicurezza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento