rotate-mobile
Attualità

Onu: il sottosegretario generale Khare a Brindisi, due giorni densi di impegni

L'alto funzionario delle Nazioni unite e l'ambasciatore Maurizio Massari dialogheranno con sindaco, presidente della Provincia e governatore Emiliano. Previsto anche un incontro con gli studenti universitari

BRINDISI - Il Centro Servizi Globale delle Nazioni Unite (Ungsc) di Brindisi ospiterà il 26 e 27 febbraio il sotto-segretario Generale Onu per il Supporto Operativo, Atul Khare, accompagnato dal rappresentante permanente d’Italia presso le Nazioni Unite, ambasciatore Maurizio Massari.  Un programma denso di attività è previsto per queste due importanti giornate, a partire dall’aperitivo di benvenuto con i vertici istituzionali, ospitato dal comune di Brindisi nella magnifica cornice della Sala del Capitello di Palazzo Nervegna.  Il concerto dell’orchestra del Nuovo Teatro Verdi, “Brindisi for the United Nations”, presso l’omonimo Teatro, e sotto la direzione del Maestro Miceli, allieterà la serata della domenica. 

L’agenda di lunedì, oltre alla visita del Centro Servizi Globale delle Nazioni Unite, prevede un momento di dialogo con le autorità e gli studenti universitari sul tema “Supporting Peace with new alliances and skills: a focus on the Un Centre in Brindisi” (Supportare la pace con nuove alleanze e competenze: un focus sul Centro dell’Onu di Brindisi). 

La tavola rotonda, preceduta da un punto stampa allestito all’esterno della sala Gino Strada a Palazzo Nervegna alle ore 11:00, avrà come prestigiosi relatori il sotto-segretario Generale Khare e l’ambasciatore Maurizio Massari. Contribuiranno al dialogo i vertici istituzionali tra cui: il sindaco di Brindisi Riccardo Rossi, il presidente della Provincia Toni Matarrelli e il presidente della Regione Michele Emiliano. È atteso anche l’intervento dell’onorevole Mauro D’Attis, il cui impegno a supporto della base si è recentemente profuso a favore di un emendamento alla legge finanziaria che ha consentito lo stanziamento di 3 milioni di euro in 3 anni per garantire l’assunzione di docenti madrelingua per la scuola europea di Brindisi. 

Il dialogo sarà moderato dal professor Pollice, rettore dell’Università del Salento che nel 2021, proprio in virtù della collaborazione con le Nazioni Unite di Brindisi, ha avviato un corso di laurea magistrale in Scienze della Cooperazione Internazionale e Peacekeeping.  

La visita sarà anche un’occasione d’incontro fra la comunità Ungsc e una rappresentanza di giocatori e dirigenti della Happy Casa Brindisi, espressione d’eccellenza del territorio. Un momento di alto valore simbolico ad esprimere il legame fra il Centro Servizi Globale delle Nazioni Unite ed il territorio che lo ospita da ormai quasi trent’anni e nel cui tessuto sociale, culturale e sportivo la base aspira a sentirsi sempre più integrata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Onu: il sottosegretario generale Khare a Brindisi, due giorni densi di impegni

BrindisiReport è in caricamento