Alberi pericolanti intorno alla scuola: interviene la Protezione Civile

I volontari del Gruppo Comunale di Cellino San Marco abbattono una serie di arbusti piegati dalle raffiche di vento

CELLINO SAN MARCO – Quegli alberi incombevano minacciosi sulla scuola materna Mameli di Cellino San Marco. Per questo si è deciso l’abbattimento. E’ stato affidato agli uomini del gruppo comunale di Protezione civile di Cellino San Marco il compito di mettere in sicurezza l’area perimetrale dell’istituto scolastico.

Alberi pericolanti a Cellino San Marco 4-2

Dopo un primo sopralluogo effettuato ieri sera (domenica 29 dicembre), quando le raffiche di grecale avevano messo in pericolo la stabilità degli arbusti, la Protezione civile ha monitorato l’area per tutta la notte, effettuando delle ronde. Nel primo pomeriggio di oggi tre squadre di volontari coordinate dai caposquadra De Nitti e Marino, sotto la supervisione del responsabile del Gruppo di Protezione Civile, Franco Menga, hanno iniziato l’intervento di abbattimento, fortemente voluto dal sindaco Salvatore De Luca.

Alberi pericolanti a Cellino San Marco 2-2

Intorno alle ore 16.30 era già stato completato l’abbattimento di sei alberi. Le operazioni andranno avanti fino a sera. La Protezione Civile ha agito in sinergia con il commissario di polizia locale, Luana Casalini. Tutto ciò al fine di evitare problemi di pubblica incolumità, sopratutto in vista del mercato settimanale del martedì che si svolge in zona contigua. Nelle ultime ore, del resto, a causa delle raffiche di vento, si sono caduto diversi alberi, con seri pericoli per l'incolumità di pedoni e automobilisti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel cinema: si è spenta la regista brindisina Valentina Pedicini

  • Polpo da record: giornata di pesca fruttuosa a Lendinuso

  • Al mercato senza mascherina, "Il Dpcm non è legge": multata

  • Sgombero da alloggio popolare: la famiglia resiste, sfratto prorogato

  • Covid-19: oltre 10mila i tamponi effettuati. I positivi continuano a crescere

  • Banda delle spaccate scatenata: doppio raid in centro

Torna su
BrindisiReport è in caricamento