La Provincia concede 229 testi alla biblioteca arcivescovile "De Leo"

Concessi anche due crocefissi in legno ed uno in gesso, presenti nell’Istituto Tecnico Commerciale “Marconi” di Brindisi

BRINDISI - Con decreto presidenziale n.61 del 20 agosto, il presidente della Provincia di Brindisi, Riccardo Rossi, ha concesso alla Biblioteca Arcivescovile “Annibale De Leo” di Brindisi, sita in piazza Duomo, la custodia e l’accesso alla fruizione pubblica, in comodato gratuito per cinque anni, di n.229 testi, oltre di due crocefissi in legno ed uno in gesso, presenti nell’Istituto Tecnico Commerciale “Marconi” di Brindisi, immobile di proprietà della Provincia. 

L’ente Provincia ha dato seguito immediatamente alla richiesta da parte della Biblioteca “De Leo”, riconosciuta, peraltro, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali come di “Eccezionale Interesse Culturale”, di poter custodire, presso la propria struttura, in modo da renderli fruibili al pubblico, alcuni testi antichi in stato di scarsa valorizzazione all’interno dell’ex Istituto scolastico. La scuola, infatti, è stata trasferita da qualche anno in altra sede più idonea e moderna. 

Durante il sopralluogo effettuato nell’ex Istituto Commerciale “Marconi” è stata riscontrata la presenza di alcuni vecchi testi importanti e di scritti di discorsi politici e militari di Mazzini e Foscolo, oltre a scritti in onore di Ugo Caprara e libri di Calamandrei, Gramsci, Levi, Calandra, Villari, Cicerone, Dickens e tanti altri autori scientifici e storici di grande rilievo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • Sulla superstrada senza assicurazione e con targhe rubate: inseguimento

  • Coronavirus, risalgono i nuovi positivi e il numero dei decessi

  • Festa di compleanno senza mascherine, ma con petardi: 11 denunce

  • Auto si ribalta e finisce nelle campagne: spavento per una ragazza

  • Covid, Puglia: la curva rallenta. Nel Brindisino cinque decessi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento