rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Attualità

“Provincia unita e democratica” sostiene Matarrelli alla presidenza della provincia

"Si assume questo impegno sulla base di un progetto politico e di idee programmatiche che possano riguardare in prospettiva tutto il territorio provinciale"

Le forze che si riconoscono nel progetto politico di “provincia unita e democratica” sostengono il sindaco di Mesagne Toni Matarrelli alla presidenza della provincia. Riceviamo e pubblichiamo una nota di che porta la firma di: Giovanni Allegrini (sindaco di San Michele salentino), Giovanni Barletta (sindaco di Villa Castelli), Maria Lucia Carone (sindaco di Oria), Elio Ciccarese (sindaco di Torchiarolo), Antonello Denuzzo (sindaco di Francavilla Fontana), Cosimo Maiorano (sindaco di Latiano), Angelo Marasco (sindaco di Sandonaci, Marco Marra (sindaco di Cellino San Marco), Antonio Matarrelli (sindaco di Mesagne), Edmondo Moscatelli (sindaco di San Pancrazio Salentino), Pasquale Nicolì (sindaco di Erchie), Lorenzo Perrini (sindaco di Cisternino), Francesco Rogoli (segretario provinciale Partito Democratico), Riccardo Rossi (sindaco di Brindisi), Domenico Tanzarella (segretario provinciale Partito Socialista Italiano), Domenico Turrisi ( Europa Verde - Verdi ), Francesco Zaccaria (sindaco di Fasano)

Il risultato delle elezioni per il Consiglio provinciale di Brindisi ha consegnato alla lista "Provincia unita e democratica" un dato straordinario, determinando l’elezione di otto rappresentanti sui 12 totali che siedono in Assise. Si tratta, con tutta evidenza, di un successo che non può essere ascritto ad un mera sommatoria numerica e che è piuttosto la manifestazione di una capacità di collaborazione già sperimentata, in grado di tenere insieme forze politiche di centrosinistra e liste civiche, espressioni di sensibilità complementari e tutte fondamentali per una corretta lettura dei bisogni del territorio brindisino.

Partiamo dunque da un esito politico gratificante e che, al tempo stesso, impegna ciascun componente in un percorso di responsabilità comune sul quale occorrerà lavorare con tempestività e chiarezza di intenti, attraverso una programmazione chiara ed efficace che possa cogliere senza ritardi le opportunità offerte dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e non solo. Il fatto di avere ragioni e forza per porsi alla guida del territorio, presuppone idee che passano da una figura capace di rappresentarle al meglio, garantendone l’attuazione attraverso un confronto costante con tutti gli attori istituzionali, economici e sociali della provincia, in un rapporto interlocutorio aperto e costruttivo. 

Con queste premesse, a seguito dell’approfondita discussione scaturita nel corso dell’incontro dei sindaci e dei rappresentanti delle forze politiche che si è tenuto lo scorso mercoledì 2 febbraio, “Provincia unita e democratica” fa convergere la candidatura a presidente della provincia di Brindisi sul nome dell’on. Antonio Matarrelli, confermando un atteggiamento di compattezza con cui si intende caratterizzare l’agire politico e l’impegno per il futuro. 

Si assume questo impegno sulla base di un progetto politico e di idee programmatiche che possano riguardare in prospettiva tutto il territorio provinciale, assolvendo al meglio le importanti competenze attribuite all’Ente provinciale.

6 febbraio 2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Provincia unita e democratica” sostiene Matarrelli alla presidenza della provincia

BrindisiReport è in caricamento