rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Attualità

Contro i rincari aggiornate le tariffe regionali dell’assistenza sociosanitaria

L'assessore regionale Palese: "L’adeguamento non comporta maggiori spese per le famiglie ma solo un incremento da parte della Regione Puglia pari a 25 milioni e 300 mila euro”

Approvate dalla giunta regionale le tariffe regionali relative alle prestazioni residenziali, semiresidenziali, ambulatoriali, domiciliari in riferimento all’assistenza sociosanitaria in favore di soggetti non autosufficienti, disabili, persone con disturbi mentali e dello spettro autistico, persone affette da dipendenze patologiche, soggetti in età evolutiva, persone nella fase terminale della vita e a cui sono applicate le misure di sicurezza, che verranno applicate dal 1 ottobre 2022 nei confronti di tutti i posti oggetto di accordo contrattuale con le aziende sanitarie locali o di tutti i posti occupati da utenti ai quali le aziende sanitarie locali riconoscono la quota sanitaria.

Questa delibera nasce dalla necessità di aggiornare e revisionare le tariffe regionali per le strutture sanitarie e sociosanitarie territoriali e di adeguarle ai maggiori costi che tali strutture stanno sostenendo a causa della pandemia e del rincaro dei materiali e delle utenze. Il provvedimento approvato rende uniforme il sistema tariffario regionale territoriale in merito alla metodologia di calcolo, con l’obiettivo di rendere oggettiva la determinazione degli importi di singole voci di costo (costo del personale, vitto, pulizie, lavanolo), tenendo conto degli ulteriori e maggiori costi che le strutture sostengono per vincoli di legge e per altre spese generali (utenze, spese amministrative, manutenzione impianti e attrezzature, manutenzione/fitto immobile).

“Si tratta - ha commentato l’assessore regionale alla salute, Rocco Palese - di un intervento organico per l’erogazione delle prestazioni per tutto il settore sociosanitario e l’aggiornamento delle tariffe regionali. La predisposizione di questo provvedimento, che approviamo oggi, ha comportato un impegno significativo da parte del Dipartimento della Salute al fine di raggiungere l’obiettivo di avere un unico atto per tutte le strutture sanitarie e sociosanitarie territoriali. È un significativo segnale di attenzione soprattutto per i pazienti e le famiglie provati da grande sofferenza. Inoltre questo provvedimento integra lo stanziamento storico di ulteriori 25 milioni e 300 mila euro.”

La delibera rappresenta una risposta da parte della Regione alla richiesta delle strutture sanitarie e sociosanitarie di intervenire per far fronte allo stato di crisi generale del sistema, che rischia di avere ripercussioni sulla qualità e sulla quantità dell’assistenza, oltre che sui livelli occupazionali degli operatori sanitari e sociosanitari. “Non corrispondono al vero le dichiarazioni di alcuni rappresentanti di associazioni del settore secondo cui le nuove tariffe adottate dalla giunta regionale siano a carico delle famiglie - precisa Palese. Sono stati aumentati ben 36 profili di prestazioni socio-sanitarie senza ulteriori aggravi per le famiglie. Per ciò che attiene le tariffe per i disabili, che erano stabilite per il 50 per cento a carico dell’Asl e per il 50 per cento a carico delle famiglie, con le nuove tariffe il 70 per cento passa a carico dell’Asl e il restante 30 per cento alle famiglie. In un unico caso che riguarda le Rsa per anziani, siccome sono inserite nel decreto Lea, la Regione Puglia ha dovuto necessariamente adeguarsi a quanto stabilito dal decreto ministeriale, prevedendo il 50 per cento a carico delle Asl e il 50 per cento a carico delle famiglie. L’adeguamento odierno delle tariffe quindi non comporta maggiori spese per le famiglie ma solo un incremento da parte della Regione Puglia pari a 25 milioni e 300 mila euro”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contro i rincari aggiornate le tariffe regionali dell’assistenza sociosanitaria

BrindisiReport è in caricamento