rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Attualità San Pietro Vernotico

Il calvario viene restaurato e diventa meta di curiosi: in un giorno decine di visite. E foto

I lavori sono a carico della chiesa Matrice, proprietaria del luogo di culto. Nessun atto vandalico. La scena a molti non è gradita: "Ma non si può fare diversamente"

SAN PIETRO VERNOTICO - Forse il calvario di San Pietro Vernotico non è mai stato frequentato come negli ultimi giorni (Venerdì Santo a parte). Ieri, domenica 27 marzo, da quanto racconta un testimone che per lavoro è rimasto nei pressi del calvario per tutto il pomeriggio, circa 30 persone si sono recate ai piedi delle tre croci per immortalare le statue della Vergine e di Gesù crocifisso, avvolti in sacchi neri e bianchi e nastro adesivo. A Cristo manca anche la testa. "Arrivavano in auto e a piedi, alcuni fotografavano da lontano, altri si portavano fin sotto ai piedi delle statue. Nel pomeriggio ho contato almeno 25 auto, ma forse erano di più". Altri ci erano andati in mattinata. 

Le foto, diffuse attraverso le chat Whatsapp e pubblicate su Facebook, sono state accompagnate da commenti di sdegno e domande sull’accaduto. Forse nessuno ha detto una preghiera, tanta è stata l’indignazione. Ma purtroppo, per quanto la scena può essere "forte" o poco gradevole, come spiega il parroco della Chiesa Matrice, don Benedetto Strumiello, proprietaria del calvario, non si può fare diversamente. Le statue e le croci attualmente sono sottoposte a opera di restauro in previsione della processione del Venerdì Santo. 

calvario san pietro1-2

“Si sta avvicinando la Santa Pasqua e come è noto, la processione si conclude al calvario, le statue e le croci versavano in pessimo stato (considerato che sono esposte alle intemperie), così la parrocchia matrice ha deciso di sottoporle a opera di restauro - spiega il parroco raggiunto telefonicamente da BrindisiReport - le statue sono di marmo di Carrara, il corpo di Gesù è stato già ripulito e per evitare che si sporchi prima dell’ultimazione del lavori è stato ricoperto con sacchi di plastica. Così come la statua della Vergine. Anche le croci devono essere levigate e ristrutturate altrimenti, essendo di legno, possono rappresentare un pericolo. A causa del Covid è da due anni che il calvario non viene sottoposto a manutenzione”. 

Quest’anno come è noto tornano le processioni e la parrocchia matrice si sta organizzando per i riti della settimana santa. Il parroco non si è sbilanciato sul costo del restauro, essendo ancora tutto in corso, ma quello che è certo è che è interamente a carico della “Chiesa Madre”. 

Il calvario di San Pietro Vernotico si trova in via Torchiarolo di fronte al campo sportivo comunale dove si allenano alcune società e associazioni sportive, e, come già detto, vicino al cimitero. Inoltre da via Torchiarolo si va al mare e si imbocca lo svincolo per la superstrada per Lecce. Le statue si trovano su un’altura e sono, quindi, ben visibili passando con l’auto. La scena che si presenta in questi giorni, quindi, non è passata inosservata. 

Si poteva fare diversamente? Probabilmente no. Si tratta di opere alte oltre la grandezza uomo e molto pensanti. Spostarle al chiuso per restaurarle è un’impresa impossibile. Quello che è certo è che il luogo sacro, simbolo per antonomasia della religione cristiana, non è stato profanato. Nessun atto di vandalismo (come anche ha pensato qualcun altro) o danneggiato. Semplicemente la parrocchia lo sta preparando per ricevere i fedeli, e le preghiere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il calvario viene restaurato e diventa meta di curiosi: in un giorno decine di visite. E foto

BrindisiReport è in caricamento