Restinco, la manifestazione dei lavoratori del centro di accoglienza

Indetta dalla Cgil per martedì 3 novembre in piazza Santa Teresa. I nodi principali da sciogliere: contratti e orari

BRINDISI - La Cgil, con un comunicato a firma del segretario generale Antonio Macchia e del segretario Cgil Funzione pubblica Pancrazio Tedesco, proclama lo stato di agitazione dei lavoratori del cara di Restinco. La manifestazione di protesta si svolgerà martedì 3 novembre a partire dalle 12, in piazza Santa Teresa, dinnanzi alla Prefettura. La Cgil ha diffuso una nota per spiegare le proprie ragioni: "L’assegnazione della gara d’appalto per la gestione Cara/Cpr Restinco non solo non applica il Decreto Legge approvato dall’attuale Governo che sul tema dell’immigrazione cancella il precedente Decreto Sicurezza di Salviniana memoria, con l’obiettivo di garantire legalità, solidarietà, umanità e giustizia, ma sta determinando anche gravi ed ulteriori criticità i cui effetti si riverberano anche sulla sicurezza della stessa struttura, generando fibrillazione tra il personale interessato".

La Cgil lamenta alcune criticità: "Le ore assegnate ai Lavoratori - come già previsto – non sono sufficienti ad assicurare il corretto funzionamento della predetta struttura di accoglienza sia dal punto di vista igienico che della qualità organizzativa; i lavoratori non hanno potuto ancora sottoscrivere i contratti di lavoro; non è stato ancora comunicato ai dipendenti il giorno in cui percepiranno lo stipendio mensile; i turni di servizio non hanno una programmazione mensile ovvero non vengono comunicati in congruo anticipo così come invece ha ribadito a più riprese la Corte di Cassazione esprimendosi sul tema del diritto del lavoratore a potere organizzare il proprio tempo vita, oltre a non rispettare una turnazione rotatoria, regolare ed equamente distribuita; le figure professionali, cosiddetto staff professionale (mediatori culturali, amministrativo, assistente sociale, informativa legale), non hanno ancora sottoscritto il contratto di lavoro, né tanto meno sono state convocate le organizzazioni sindacali per discutere sull’organizzazione del lavoro e sulla gestione delle risorse umane soprattutto in riferimento alle ore da redistribuire alle stesse nell’arco della settimana atteso che alcune di esse dovrebbero svolgere il misero (eufemismo) numero di circa 8 ore settimanali; non è stato ancora chiarito dall’ente gestore a chi verranno redistribuite le ore di lavoro in caso di rinuncia da parte di qualche dipendente ad essere contrattualizzato; manca una programmazione organizzativa delle mansioni da svolgere quotidianamente così come è sempre avvenuto in passato; le sostituzioni del personale che si assenta per vari motivi (permessi retribuiti, aspettativa 104 , ecc.) non coinvolgono il personale in servizio a cui è stata applicata la clausola sociale con riduzione drastica delle ore contrattuali, ma invece viene interessato a coprire tali assenze una nuova figura professionale già dipendente della cooperativa “La Mano di Francesco” di cui non è dato comprendere quali mansioni svolga (magazziniere, operatore, autista, mediatore culturale…); ai lavoratori è stato comunicato che le ore di servizio contemplate dai nuovi contratti, già di per sé falcidiate, verranno ridotte al di sotto delle 15 ore previste al verificarsi della presenza di un numero di ospiti al di sotto delle 50 unità, sguarnendo di fatto i turni notturni con evidenti implicazioni sulla sicurezza del centro; i dispositivi di protezione individuale non sono stati ancora assegnati; i moduli abitativi e i locali in cui vengono ospitati gli immigrati non vengono sanificati ogni volta in cui avviene il turn over".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel cinema: si è spenta la regista brindisina Valentina Pedicini

  • Polpo da record: giornata di pesca fruttuosa a Lendinuso

  • Al mercato senza mascherina, "Il Dpcm non è legge": multata

  • Sgombero da alloggio popolare: la famiglia resiste, sfratto prorogato

  • Covid-19: oltre 10mila i tamponi effettuati. I positivi continuano a crescere

  • Banda delle spaccate scatenata: doppio raid in centro

Torna su
BrindisiReport è in caricamento