Attualità

Rete ospedaliera regionale: previsti sulla carta 30 posti letto in più nel Brindisino

La Giunta ha approvato l'aggiornamento. Sono 900 in tutta la Puglia, dieci al Perrino di Brindisi e 20 al Camberlingo di Francavilla Fontana. Ora la palla passa alla Commissione consiliare permanente, per il previsto parere obbligatorio non vincolante

Dieci posti letto in più al Perrino di Brindisi e 20 al Camberlingo di Francavilla Fontana: aumenti nella sanità, previsti dalla Regione Puglia, ma per ora sulla carta. La Giunta regionale ha infatti approvato oggi (lunedì 3 luglio 2023) l'aggiornamento della rete ospedaliera pugliese, per il raggiungimento del numero massimo di posti letto previsto dal decreto ministeriale numero 70/2015. Si legge in un comunicato ufficiale: "Il piano approvato, di fatto, non modifica l'impostazione delle rete ospedaliera della Regione Puglia, ma incrementa di 900 posti letto l'attuale programmazione. In particolare, è stata posta particolare attenzione alla istituzione dei posti letto di Medicina d'Urgenza e Accettazione presso gli ospedali di II e I livello nonché presso gli enti ecclesiastici, al fine di migliorare la gestione del sovraffollamento dei Pronto soccorso".

Prosegue la nota: "Inoltre, è stato previsto un incremento dei posti letto di riabilitazione e lungodegenza, al fine di facilitare il passaggio dalla fase acuta a quella post - acuta, consentendo dunque, un miglior utilizzo dei posti letto. Trattandosi di approvazione dello schema di regolamento, si procederà alla presentazione del provvedimento alla Commissione consiliare permanente, per il previsto parere obbligatorio non vincolante".

"Il piano - spiega l'assessore Palese - è stato concordato con i direttori generali (delle varie Asl, ndr) e discusso con il Ministero e nei fatti non modifica quanto già previsto, ma integra le dotazioni con riguardo soprattutto la lungodegenze e la riabilitazione". Il provvedimento sarà altresì trasmesso al ministero della Salute, per l'acquisizione del parere da parte del Tavolo tecnico sul decreto ministeriale numero 70/2015.

La deliberazione di Giunta regionale è corredata di una analisi della produzione delle strutture ospedaliere pubbliche e private accreditate, dell'analisi della mobilità nonché del personale in servizio. La rete ospedaliera sarà oggetto di apposito monitoraggio da parte del Dipartimento Promozione della Salute e del Benessere animale, volto a valutare i volumi e gli esiti di ciascuna Unità Operativa.

Quindi, viene presentato il dettaglio per provincia, con la precisazione che "le tabelle in allegato non rivestono carattere di ufficialità e [...] potranno essere modificate". Il primo dato che salta all'occhio, è la sproporzione tra molte province pugliesi e il Brindisino. Nel Leccese sono previsti +192 posti letto; +272 nel Barese; +168 nel Foggiano; +209 nel Tarantino; +70 per la Bat; +30 per il Brindisino.

In particolare: sono previsti dieci posti in più presso l'ospedale Perrino di Brindisi, in particolare in Geratria. Per quanto riguarda l'ospedale Camberlingo di Francavilla Fontana, i posti in più sono 20, distribuiti nelle lungodegenze. L'aumento non interessa né l'ospedale di Ostuni, né quello di Ceglie Messapica, né tantomeno le due strutture private accreditate, che si trovano entrambe a Brindisi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rete ospedaliera regionale: previsti sulla carta 30 posti letto in più nel Brindisino
BrindisiReport è in caricamento