Lunedì, 15 Luglio 2024
Attualità

Rimuovere 200kg di cicche in due giorni: la sfida di Plastic Free passa anche dal Brindisino

Sono cento i Comuni coinvolti. Sabato 3 a Fasano e Villa Castelli. Domenica 4 giugnCeglie Messapica e San Vito Dei Normanni

BRINDISI - Anche quattro Comuni del Brindisino coinvolti nell'iniziativa promossa da Plastic Free Onlus, l’organizzazione di volontariato impegnata dal 2019 nel contrastare l’inquinamento da plastica, che riguarda la rimozione da terra di oltre 50mila mozziconi di sigaretta, pari a 200 chilogrammi, in 100 appuntamenti in tutta Italia, di cui ben 12 in Puglia. E quattro nel Brindisino. I volontari di Plastic Free saranno in azione sabato 3 a Monopoli e Putignano (Ba), Fasano e Villa Castelli e Gallipoli (Le) e domenica 4 ad Acquaviva delle Fonti (Ba), Castrignano del Capo, Presicce-Acquarica e Taurisano (Le), Ceglie Messapica e San Vito dei Normanni (Br) e Mottola (Ta).

La finalità è quella di sensibilizzare tutti i cittadini, e in particolar modo i fumatori, sul corretto smaltimento e sui rischi connessi all’inquinamento e alla salute dell’incivile gesto di gettare per terra i mozziconi. 

“In Italia si stima che ogni anno finiscano nell’ambiente 14 miliardi di mozziconi di sigarette – dichiara Luca De Gaetano, presidente di Plastic Free Onlus – All’interno di ognuno ci sono 4.000 sostanze chimiche, molte delle quali tossiche e cancerogene, compresi arsenico, formaldeide, ammoniaca, acido cianidrico e nicotina. Queste tossine danneggiano gravemente gli ecosistemi marini e rappresentano un rischio anche per i più piccoli che, inconsapevolmente, possono mettere in bocca un mozzicone lasciato per terra in un parco o su una spiaggia”.

Si stima che circa il 65 per cento dei fumatori non smaltisca correttamente i mozziconi delle sigarette, così oggi una grande quantità invade fiumi, coste e spiagge finendo inevitabilmente in mare. Scambiati per cibo, vengono inghiottiti da uccelli, pesci, tartarughe e altri animali marini, che possono arrivare anche a morire a causa di avvelenamento da tossine o soffocamento. Inoltre, le nanoplastiche contenute al loro interno impattano negativamente nella catena alimentare. Basti pensare che la quantità di polveri sottili prodotte da una locomotiva sono pari a quelle rilasciate da 5 sigarette nello stesso lasso di tempo.

“In pochi anni, grazie ai nostri 250mila volontari, abbiamo rimosso dall’ambiente oltre un milione di mozziconi di sigarette durante le tante iniziative sul territorio nazionale – prosegue il presidente De Gaetano – Un argomento che ci sta molto a cuore e che abbiamo inserito nella mozione Plastic Free presentata alla Camera lo scorso 30 maggio, dove chiediamo la creazione di smoking area per il rispetto dell’ambiente e delle persone, risorse per enti e associazioni per contrastare il fenomeno con controlli e sensibilizzazione nonché l’inasprimento delle multe per i trasgressori”, conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimuovere 200kg di cicche in due giorni: la sfida di Plastic Free passa anche dal Brindisino
BrindisiReport è in caricamento