Attualità

Rimborso abbonamenti: prima risposta della Regione agli studenti

Ma l'invito degli organizzatori è di continuare a firmare la petizione online per ottenere rimborsi o congelamento delle somme versate

Prime risposte dalla Regione Puglia alla campagna, con tanto di petizione online, lanciata da un gruppo di giovani per ottenere il rimborso o il congelamento degli abbonamenti agli studenti pendolari, che agli inizi di marzo avevano già versato le quote per i titoli di viaggi mensili.

“Abbiamo sentito gli assessori Piemontese e Giannini, rispettivamente al Bilancio e ai Trasporti, i quali, dopo una lunga e cordiale chiacchierata ci hanno assicurato di aver preso in carico la nostra proposta, impegnandosi per dare una soluzione alla problematica. La Regione si sta muovendo e darà presto delle risposte, noi continueremo a restare in contatto con gli assessori e vi aggiorneremo fino a quando non ci sarà una soluzione definitiva”, annunciano i promotori.

“A ripensarci, quando il 4 marzo lanciavamo la proposta per chiedere il rimborso o il congelamento degli abbonamenti per gli studenti, in molti ci avvicinarono per offrirci la loro disponibilità in vista di un'azione più forte confermandoci quanto fosse giusto sposare questa battaglia. Ieri però è accaduto qualcosa di tremendamente bello”.

Ma l’invito è di continuare comunque a firmare la petizione (firmate qui, https://chng.it/gyMVF78Q ) a sostegno della proposta: “Ad oggi la petizione continua a crescere, riceviamo chiamate per ulteriori collaborazioni, ragazzi e ragazze firmano spontaneamente e gente continua a chiederci come poter contribuire. E in tutto questo la proposta è già nelle mani di chi competenza. Provare a rappresentare una generazione, cogliere un disagio per renderlo meno pesante. Questo vogliamo fare. Noi andiamo fino in fondo, fidatevi. Ci riusciremo”, promettono gli organizzatori della campagna #RimborsoOcongelamento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimborso abbonamenti: prima risposta della Regione agli studenti

BrindisiReport è in caricamento