Domenica, 13 Giugno 2021
Attualità

Riqualificazione zone verdi: pronti 200 nuovi alberi in sostituzione di quelli malati

Stipulato, anche, un accordo con l’associazione Pro Selva per la pulizia e la manutenzione di fontane e aiuole alla Selva

FASANO – Saranno piantumati nei prossimi mesi 200 nuovi alberi in sostituzione di quelli malati o vandalizzati, scelti tra lecci, carrubi e ligustri. E' quanto ha deciso la giunta comunale, approvando il progetto di riqualificazione delle zone verdi della città che necessitano di interventi. "È un provvedimento che ha un duplice valore - spiega il sindaco Francesco Zaccaria - ambientale, perché gli alberi migliorano la qualità dell'aria che respiriamo, e di recupero del decoro urbano. Piantando nuovi alberi, infatti, si supera il problema degli antiestetici 'buchi' sui marciapiedi per le aiuole rimaste vuote. Nei prossimi mesi continueremo la riqualificazione delle aree verdi in altri punti del nostro territorio, grazie all'utilizzo del ribasso d'asta."

Le strade interessate dalla prima tranche di intervento sono: via Gramsci e via dello Zoosafari (perimetro scuola Pascoli), via Virgilio, viale Strabone, via Gravinella, via Pacuvio e via Esiodo (zona caserma Carabinieri). "Ringrazio l’assessore Pagnelli con la struttura del servizio lavori pubblici per il lavoro svolto e il tecnico competente Angelo De Carolis, redattore del progetto - conclude il primo cittadino - e sempre in tema di qualità della vita, nei giorni scorsi abbiamo stipulato un accordo con l’associazione Pro Selva per la pulizia e la manutenzione di otto fontane alla Selva, e per la realizzazione di due aiuole illuminate agli ingressi della frazione. Gli interventi si realizzano con la formula dell’ 'adozione' privata, prevista dalle norme.  Un sentito grazie va all’associazione che da sempre, mossa da grande passione e amore per il nostro territorio, si impegna per preservarne la bellezza."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riqualificazione zone verdi: pronti 200 nuovi alberi in sostituzione di quelli malati

BrindisiReport è in caricamento