Rimpatriate a Pasqua e Pasquetta? Bisogna stare a casa propria

Riunioni tra familiari e amici pericolose. La Polizia provinciale sta già controllando le seconde case lungo la costa

Nelle foto dell'Ansa, controlli delle autocertificazioni di Guardia di Finanza, Polizia di Stato e Carabinieri

BRINDISI – Pasqua e Pasquetta più vicine, ma non bisogna dimenticare che per queste giornate non ci sono deroghe alle norme anti-contagio fissate dai decreti governativi. Si teme infatti che non poche famiglie o gruppi di amici possano pensare di riunirsi per il pranzo tradizionale, o addirittura farlo nelle seconde case.

Le disposizioni di legge non lo consentono, e anche il senso di responsabilità di ciascuno deve prevalere su tutto. Non va dimenticato che ci sono casi di positività asintomatica, e questo può veicolare il Covid-19 a parenti, amici, bambini, anziani dei nuclei familiari che potrebbero invece sviluppare la malattia in forma grave, anche mortale.

controlli autocertificazioni-2

Bisogna stare a casa anche a Pasqua e Pasquetta. È vietato dalle norme vigenti utilizzare seconde case. Sono vietati gli assembramenti anche familiari, tra congiunti.  Non ci sono giustificativi per questo e si incorre altrimenti nelle sanzioni pecuniarie previste. Quindi non ci sono autocertificazioni di “copertura” che tengano. Le violazioni non sono furbate, ma imprudenze gravi.

A ricordarlo, con controlli intensificati, assieme alle forze dell’ordine e alle polizie locali dei vari Comuni, ci sarà anche la Polizia locale della Provincia, che nell’ultima settimana dal 30 marzo al 3 aprile non a caso ha svolto un’azione di perlustrazione nelle località costiere del Brindisino, da Lendinuso a sud a Savelletri a nord, oltre a dare una mano nei vari centri del territorio nel controllo delle autocertificazioni, nella verifica del rispetto delle distanze di sicurezza davanti a uffici pubblici e negozi.

controlli autocertificazioni 2-2-2

Quindi gli scambi di auguri facciamoli utilizzando video-chiamate, Skype, telefono. Per pranzare e cenare insieme ci sarà tempo, e la festa più grande sarà la fine dell’emergenza. Rispettando le regole, ciò avverrà quanto prima. Anche i sindaci faranno appelli per restare in casa durante le vicine festività. Ogni violazione è un atto punibile e un rischio cui si espone se stessi e gli altri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E in attesa degli appelli specifici dei sindaci del Brindisino, andranno aumentati i controlli anche in arrivo, perchè non è escluso che da altre province possano giungere, violando la legge, anche proprietari di abitazioni estive nelle principali località turistiche del nostro territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento