Attualità

Rischio licenziamenti lavoratori Dema, sindacati chiedono incontro con prefetto

La segreterie territoriali Fim-Fiom-Uilm-Fismic-Uglm-Cobas: "Verificare se esistono le condizioni per una mediazione tra le parti"

Foto di archivio

La segreterie territoriali Fim-Fiom-Uilm-Fismic-Uglm-Cobas di Brindisi chiedono un incontro urgente con il prefetto di Brindisi, Carolina Bellantoni, per un esame congiunto sulla grave situazione in cui versa il gruppo Dema, azienda operante e presente sul territorio con tre distinte ragioni sociali (Dema-Dcm-Dar) e che occupa circa 300 dipendenti, tra diretti e indiretti, sul rischio di licenziamento per alcuni di essi. 

I sindacati intendono mettere a conoscenza il prefetto delle problematiche insorte con l’azienda che nonostante tre tavoli di crisi aperti, in Prefettura Brindisi, al Mise e alla Task Force della Regione Puglia e gli impegni presi, senza alcun rispetto delle istituzioni, delle organizzazioni sindacali ma soprattutto dei lavoratori e delle loro famiglie ha avviato una procedura di cessione di ramo d’azienda che se conclusa nelle modalità richieste porterà al licenziamento di 85 dipendenti. 

Chiedono l’intervento del prefetto per verificare se esistono le condizioni per una mediazione tra le parti al fine di avere garanzie sul mantenimento dei livelli occupazionali, senza ulteriori sacrifici per il territorio e per evitare che l’esasperazione dei lavoratori possa sfociare in momenti di conflittualità. Intanto per venerdì 2 aprile è in programma un'assemblea pubblica in piazza Santa Teresa, davanti alla sede della Prefettura. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rischio licenziamenti lavoratori Dema, sindacati chiedono incontro con prefetto

BrindisiReport è in caricamento