Il Focolare: "Abbiamo fatto il possibile agendo secondo legge"

La società della Rssa con sede anche a Brindisi ricostruisce in una lunga nota gli accadimenti sin dalla fine di febbraio

BRINDISI – Dopo la decisione di affiancare due dirigenti della Asl di Brindisi alla struttura di gestione della sede di Brindisi, la società Il Focolare Srl ha affidato a due avvocati del Foro di Lecce, Amilcare Tana e Michele Bonsegna, una lunga nota di precisazioni e notizie non solo sugli accadimenti degli ultimi giorni, ma soprattutto sulla genesi dell’attuale situazione e sulle misure adottate dalla società stessa, sin dal 27 febbraio scorso, per fronteggiare i rischi di contagio di ospiti e personale. Pubblichiamo di seguito, e integralmente, la comunicazione inviata alla stampa dalla Rssa.

La Rssa, in ottemperanza alle disposizioni regionali, sin dalla comparsa a fine marzo, del primo “caso sospetto” tra gli ospiti della struttura, ha preso contatto con il Dipartimento di Prevenzione della salute e con l’Azienda Sanitaria Locale di riferimento. Ciò, al fine di informare gli Enti competenti in merito all’evoluzione del caso “sospetto” all’interno della struttura – in attesa di esito del tampone rinofaringeo – e alle misure di prevenzione adottate.

In particolare, sin dal giorno 1 aprile 2020 (ancor prima, cioè, della conoscenza del primo caso positivo), il direttore sanitario della Rsa “Il Focolare” ha espressamente richiesto al Dipartimento di Prevenzione della Asl che tutto il personale sanitario e amministrativo della struttura fosse sottoposto a tampone rino-faringeo; ciò in attuazione anche delle disposizioni impartite con la nota 7865 del 25 marzo 2020 del Ministero della Salute che prevede che “tutto il personale sanitario esposto sia sottoposto ad indagini (tampone rinofaringeo)”.

Solo nel pomeriggio del 2 aprile 2020, è giunta comunicazione informale della positività al Covid-19 di una ospite che era stata ricoverata in ospedale nei giorni precedenti. Immediatamente, in data 3 aprile 2020, unitamente al medico competente, sono stati ricostruiti i contatti stretti avuti dall’ospite positiva, per risalire alla catena dei possibili contagi, dandone, ovviamente, subito evidenza al Dipartimento di Prevenzione ed all’Azienda Sanitaria Locale.

In sostanza, la Rssa – sin dalla comparsa dei primi sintomi sospetti in alcuni ospiti – ha adottato le modalità eccezionali di gestione dei residenti e degli operatori previste per i casi positivi al Covid-19. Il personale della Rssa, che era entrato in contatto con il caso confermato Covid-19, è stato, da subito, posto in quarantena domiciliare – in attesa della sottoposizione e dell’esito del tampone rinofaringeo – e sostituito con nuovo personale, al fine di garantire l’assistenza e la cura necessaria agli ospiti.

A seguire, sin dai primissimi giorni di aprile, ricevuta la notizia della prima positività di un ospite al Covid-19, la società ha chiesto al Dipartimento di Prevenzione di estendere l’indagine (tampone rinofaringeo) a tutti gli ospiti e a tutto il personale dipendente. Tanto, poiché la conoscenza dell’avvenuto contagio o meno anche del personale avrebbe garantito, da un lato, di evitare di trattenere in isolamento domiciliare operatori necessari in questo particolare periodo e, dall’altro, di evitare il rientro in struttura di portatori di virus asintomatici.

Inoltre, la Rssa ha chiesto formalmente, in più occasioni, al Dipartimento di Prevenzione e all’Azienda Sanitaria Locale specifiche indicazioni operative sulla gestione dei casi sospetti presenti in struttura, chiedendo la collaborazione di medici specialisti, quali infettivologi e pneumologi, nonché specifiche indicazioni operative circa il trasferimento di eventuali pazienti positivi presso strutture ospedaliere.

A partire dal 6 aprile 2020 e nei giorni seguenti, il Dipartimento di Prevenzione ha effettuato i primi tamponi sugli anziani residenti. Solo in data 11 aprile 2020, in attuazione delle nuove disposizioni regionali, la Asl ha sottoposto tutti gli ospiti delle Rssa ed il relativo personale a tampone rino-faringeo e, purtroppo, è emerso il numero considerevole dei positivi, divisi fra sintomatici, paucisintomatici e asintomatici.

A questo punto, acclarata la grave situazione presente in struttura, la Rssa si è autonomamente attivata, chiedendo essa stessa l’intervento diretto di Asl e Regione: per ricevere indicazioni rispetto al trattamento sanitario e terapeutico al quale sottoporre gli ospiti. La Rssa, infatti, non può sostituirsi agli organi preposti che hanno in carico esclusivo la cura e la gestione della salute pubblica (Asl e Regione). Ciò, tanto più, anche in ragione del fatto che, per disposizioni regionali, è venuto meno il supporto dei medici di medicina generale che hanno in carico i loro assistiti e che da oltre un mese non hanno accesso nella struttura per la visita diretta dei loro assistiti.

Per ricevere i farmaci necessari per la cura del Covid-19; per la messa a disposizione di personale medico ed infermieristico, al fine di far fronte ad un maggiore carico assistenziale determinato dall’alto numero di pazienti contagiati dal virus. Finalmente, in accoglimento della richiesta avanzata – giova ribadirlo, per prima proprio dalla stessa Rssa – la Regione, in data odierna, ha determinato che la Asl Brindisi, in persona del dott. Angelo Greco, assuma il ruolo di responsabile sanitario della Rssa e che il dott. Pietro Gatti assuma quello di referente degli aspetti clinici.

In questo modo, potrà essere affrontata anche all’interno della stessa Rssa, la cura dei soggetti positivi al Covid-19, che non richiedono lo spostamento in ospedale. La Asl, di fatto, affiancherà la Rssa nella gestione del delicato momento in corso, consentendo al Focolare di continuare a garantire i servizi di ordinaria gestione, quale struttura socio sanitaria, sotto il temporaneo controllo e coordinamento della Azienda sanitaria.

Tanto premesso, è doveroso rimarcare che, durante tutto il recente periodo, la Rssa ha prestato la massima assistenza agli ospiti, a mezzo del personale qualificato necessario e provvedendo, via via, alla sostituzione delle unità risultate positive e, quindi, poste in quarantena domiciliare. Allo stato attuale sono più di 40 le unità lavorative impegnate presso il Focolare Srl.

È assolutamente priva di fondamento, pertanto, la circostanza secondo cui gli ospiti della struttura possano aver avvertito dei disagi provocati dalla carenza di personale che – come già chiarito – non si è mai verificata, proprio grazie al grande impegno della struttura e delle risorse messe a disposizione dalla proprietà per fronteggiare un momento così difficile.

È fondamentale precisare, altresì, che il virus è riuscito ad insinuarsi nella Rssa nonostante la stessa abbia agito, sempre, con la rigorosa applicazione di tutte le misure prudenziali al fine di evitare la diffusione di un’epidemia da Covid -19 all’interno della propria struttura e tutelare i propri ospiti e dipendenti.

In particolare, e a titolo meramente esemplificativo, la Rssa ha, da subito, provveduto a posizionare, per prudenza, in auto-quarantena volontaria, il personale che aveva avuto contatti con soggetti e/o territori individuati dal primo Dpcm di febbraio. A partire dal 27 febbraio 2020 – epoca precedente alla emanazione delle direttive governative e regionali – ha chiuso l’accesso al pubblico e le visite sono state immediatamente e precauzionalmente sospese.

Ha fornito a tutti i dipendenti – sia sanitari che amministrativi – i dispositivi di protezione individuale normativamente previsti: tute, visiere, mascherine FFP2-3, copri calzari, eccetera. Tanto ha fatto sia a tutela del personale in servizio che a tutela della salute degli ospiti. Ha organizzato, sempre dallo scorso 27 febbraio 2020, la rotazione del proprio personale, secondo gruppi di lavoro, che – avvicendandosi – potevano e possono garantire il corretto svolgimento del servizio anche in caso di emergenza e/o eventuali quarantene obbligatorie.

 Nello stesso periodo, e ben prima delle misure disposte dalla Regione Puglia, la Rssa ha adottato la divisione degli ospiti per piani e piccoli gruppi, per cercare (preventivamente) di limitare la diffusione della epidemia contagiosa; sin dalla data del 2 marzo 2020, il personale di struttura è stato integrato di ben 17 nuove unità tra infermieri e Oss, al fine di far fronte all'emergenza, evitare il contagio e garantire l’assistenza agli ospiti.

Anche il personale di cucina è rimasto sempre in servizio, garantendo il meglio per gli ospiti, il cui menu giornaliero non ha subito alcuna variazione; lo stesso coordinatore sanitario della struttura – che di norma è impegnato per 3 ore di consulenza giornaliera – sin dai primi giorni di marzo, è rimasto in servizio e operativo per non meno di 12 ore al giorno, rendendosi anche disponibile a fornire informazioni di natura sanitaria ai parenti che lo richiedevano. La società si è prodigata per informare i familiari dei residenti in merito alle loro condizioni e aggiornarli in merito alla evoluzione della situazione. Tanto, per garantire la maggior comunicazione possibile tra la struttura e le famiglie degli ospiti, nonostante le grandi difficoltà che caratterizzano l’attuale emergenza sanitaria.

Sempre a tutela degli ospiti - proprio in conseguenza delle disposizioni adottate dalla Regione Puglia con le quali è stato ordinato ai medici di medicina generale (che hanno in carico l'assistenza sanitaria dei singoli ospiti presenti in struttura) di non effettuare visite dirette – la Rssa ha messo in piedi un sistema di consultazione quotidiana con gli stessi, al fine di mantenere la migliore forma di collaborazione, nell’interesse della salute degli ospiti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questa, in estrema sintesi, è la cronologia dei fatti, dalla lettura dei quali riteniamo di poter serenamente sostenere che Il Focolare ha agito nel rispetto delle disposizioni di legge impartite e al massimo delle proprie possibilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Maltempo nel Brindisino: danni e allagamenti, intervengono i vigili del fuoco

  • Consiglio regionale: cinque eletti in provincia di Brindisi

  • Scu, estorsioni nelle campagne: “Un euro per ogni quintale di grano prodotto”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento