rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Attualità

Salva 18enne in arresto cardiaco: il consiglio comunale rende omaggio alla giovane infermiera

La 26enne Mina Bungaro, di Francavilla Fontana, è stata la protagonista del salvataggio del liceale di Altamura

FRANCAVILLA FONTANA - Il consiglio comunale della Città degli Imperiali, nella prossima seduta, renderà omaggio a Mina Bungaro, la 26enne infermiera del 118 che la mattina di sabato 6 novembe, ha soccorso e salvato la vita ad uno studente del liceo linguistico "Genco" di Altamura, colto da un arresto cardiaco durante una lezione di educazione fisica. "La nostra concittadina Mina Bungaro rappresenta l'ultima ambasciatrice di chi lavora e lotta ogni giorno per il benessere collettivo. Al loro dovere deve corrispondere la nostra gratitudine", è il commento di Domenico Attanasi, presidente del consiglio comunale di Francavilla Fontana che ha espresso un sincero ringraziamento alla giovane infermiera, annunciando, simbolicamente di volerle rendere omaggio. 

"Al mio messaggio di congratulazioni per il salvataggio dello studente - spiega Attanasi - Mina Bungaro ha risposto: 'Ho fatto solo il mio dovere'. Con semplicità Mina ha espresso la consapevolezza e la dedizione che dedica al suo lavoro quotidiano, ma c'è di più, perchè con compostezza ha ribadito un valore prezioso e straordinario che spesso dimentichiamo presi dalla frenesia delle nostre giornate, la bellezza di essere di aiuto al prossimo. Mina e i tanti operatori del servizio sanitario nazionale rappresentano l'altra faccia di questa medaglia che qualcuno vorrebbe solo opaca. Il loro dovere lo fanno quasi sempre in silenzio, spesso in condizioni di precariato, e scivolando rapidamente nell'oblio. Perchè una volta superata l'emergenza, piccola o grande che sia, ci si dimentica dei volti e dei nomi di chi ci ha aiutati".

Da due anni Mina Bungaro lavora per il 118 di Bari, dopo un’esperienza biennale a Roma, e attende l’assunzione definitiva dopo aver superato l’ultimo concorso regionale, come riportato da BariToday, alla quale la stessa giovane infermiera ha rilasciato i vari momenti che hanno portato al salvataggio del 18enne studente. “Dalla nostra partenza dalla postazione- racconta - all’arrivo al pronto soccorso sono trascorsi in tutto 25 minuti. Lui non parlava e non rispondeva alle sollecitazioni, ma era chiaro si fosse ripreso”. Dopo il ricovero nella terapia intensiva Utic dell’ospedale della Murgia, il ragazzo è ora al San Paolo di Bari per accertamenti utili a risalire alle cause del malore. Per fortuna è stato dichiarato fuori pericolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salva 18enne in arresto cardiaco: il consiglio comunale rende omaggio alla giovane infermiera

BrindisiReport è in caricamento