Covid, test rapidi "antigenici": screening a tappeto a scuola

Il sindaco Allegrini: "Attività di tipo preventivo, al fine di individuare eventuali positività non sintomatiche potenziali"

SAN MICHELE SALENTINO - Test sierologici a scuola per contrastare il contagio da Coronavirus. E’ quanto voluto dal sindaco di San Michele Salentino Giovanni Allegrini, proposto e accettato dalla Asl di Brindisi, a seguito dell’elevata percentuale di casi positivi riscontrati nei giorni scorsi tra gli alunni della scuola media. La campagna di screening, la prima nella provincia di Brindisi, coinvolgerà 450 tra alunni e studenti della scuola elementare “Marconi” e della scuola media “Giovanni XXIII”, oltre a tutto il personale docente, amministrativo e Ata. 

Nella mattinata di mercoledì 11 novembre, a partire dalle 8:30, medici ed infermieri specializzati della Asl di Brindisi, con l’ambulatorio mobile collocato in piazza Marconi, effettueranno i test rapidi “antigenici” capaci di dare una risposta in 15 minuti. Per l’occasione saranno utilizzati i 4 nuovi macchinari appena arrivati alla Asl di Brindisi. Come funziona il test rapido? Nel caso in cui l’esito del test di screening risulti “non negativo” verrà, poi, effettuato il tampone orofaringeo (molecolare) e il dipartimento di prevenzione della Asl stabilirà l’eventuale quarantena e il conseguente tracciamento dei contatti.

“Lo scopo di questa attività – spiega il sindaco Giovanni Allegrini – è esclusivamente di tipo preventivo al fine di individuare eventuali positività non sintomatiche potenziali, principio di possibile contagio. Questo, soprattutto, a seguito dell’aumentare progressivo degli alunni positivi nella scuola media 'Giovanni XXIII' e per dare un segnale di vicinanza da parte delle Istituzioni alla realtà scolastica e alle famiglie che, sicuramente, non stanno vivendo momenti sereni. Il Covid, purtroppo, non risparmia nessuno e questo ce lo sta dimostrando ogni giorno. Noi come Amministrazione stiamo mettendo in atto tutto quanto è nelle nostre possibilità decisionali per prevenire i contagi e la diffusione del virus. Molto, come ho sempre ribadito, dipende anche dal nostro senso di responsabilità e dai nostri comportamenti”.

Lo screening, quindi, nel caso in cui dovesse individuare, in modo rapido, i casi ‘non negativi’, fortemente sospetti, questi verranno sottoposti subito ad un ulteriore accertamento con il tampone molecolare. Il mix tra test rapidi e tamponi molecolari renderà il tracciamento ancora più efficace. I dettagli sullo svolgimento e l’organizzazione della mattinata saranno resi noti lunedì 9 novembre dopo la riunione che il sindaco terrà a Palazzo di Città con il Comandante della Polizia Locale e i responsabili della locale Protezione Civile. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Diffonde immagini intime di una donna: arrestato per revenge porn

  • Furti in casa mentre i proprietari dormono, paura nelle campagne

  • Coronavirus, alto il numero dei decessi in Puglia: sono 52

Torna su
BrindisiReport è in caricamento