San Pietro, cresce la differenziata e fioccano le multe da 600 euro per gli incivili

In una nota, il sindaco Pasquale Rizzo, comunica i nuovi incoraggianti dati sulla differenziata. Una ventina i trasgressori individuati

SAN PIETRO VERNOTICO - Cresce la percentuale di differenziata e continuano i controlli con le fototrappole per sgamare gli incivili che abbandonano rifiuti per strada, a San Pietro Vernotico. Già recapitate le prime multe da 600 euro cadauna. 

I nuovi dati 

In una nota, il sindaco Pasquale Rizzo, comunica i nuovi incoraggianti dati sulla differenziata: “Nel mese di luglio 2019 (Monteco Srl gestore) il Comune di San Pietro Vernotico ha raggiunto una percentuale di differenziata pari al 26,75 per cento.  Nel  luglio 2020, primo mese di gestione del servizio da parte di Impregico Srl, il dato è pari al 47,20 per cemnto. Percentuale che sale al 58,39 per cento se si considerano i dati dal 13 luglio in poi, considerando che la prima settimana la raccolta di indifferenziato è stata notevole a causa di mancati ritiri nel mese di giugno”.

Si cominciano a vedere i primi risultati positivi della nuova linea contro gli inquinatori, adottata dall’amministrazione. Che non sono solo coloro che abbandonano indiscriminatamente rifiuti nelle campagne e per strada ma anche chi non differenzia correttamente. La nuova ditta ha imposto l’utilizzo di sacchetti semitrasparenti e disposto il mancato ritiro se non si conferisce la giusta tipologia di rifiuto con conseguente ammonimento che porta alla multa se si continua a trasgredire. Tolleranza zero, quindi, nei confronti di chi non rispetta l’ambiente. 

“Non posso che ringraziare per questo avvio del servizio l’architetto D’Anna, la nuova ditta che, con una diversa organizzazione del personale da parte del nuovo responsabile, sta rivedendo alcune impostazioni dei servizi, i dipendenti, il Dec ed i cittadini che, pur dovendo a volte subire disservizi, hanno, con i fatti, dimostrato di voler  differenziare il rifiuto e collaborare”.

rifiuti san pietro-3

I disservizi 

I disservizi e le lamentele sono ancora tanti e riguardano soprattutto il mancato ritiro ma la stessa amministrazione si dice pronta ad accogliere e risolvere, congiuntamente alla ditta incaricata, ogni genere di situazione che non soddisfa l'utente. 

“Naturalmente vi sono ancora margini di miglioramento per il servizio, ma occorre dare il tempo alla azienda che è subentrata a Monteco Srl di recuperare un arretrato rilevante. La consegna di ingombranti ad esempio è ancora un punto dolente: diamo il tempo a chi è subentrato di ottimizzare il servizio, rammentando a noi tutti che si tratta di un servizio di primaria rilevanza sotto il profilo igienico sanitario e per le casse dell’Ente. A breve si avvierà la consegna dei nuovi mastelli, per cui si è convinti che a regime anche San Pietro Vernotico, con la collaborazione di tutti, potrà raggiungere i livelli di differenziata previsti dalla norma”. 

Le fototrappole 

Le fototrappole si stanno rivelando fondamentali per scovare i furbetti dei rifiuti. Al momento sono una 20ina i trasgressori individuati attraverso la targa dell’auto ma sono molti di più coloro che hanno agito a piedi o in bici e che sono in fase di identificazione. I dispositivi vengono installati in ogni zona del paese, della marina (Campo di Mare) e nelle campagne di competenza del Comune di San Pietro Vernotico. 

“Un ringraziamento ulteriore deve essere effettuato alla azienda che ha in affidamento il servizio delle foto trappole, ed alla Polizia Locale che sta svolgendo un compito rilevante: vi sono infatti cittadini incivili e non rispettosi delle regole minimali a tutela del territorio e dell’ambiente, i quali, di contro, preferiscono essere multati per gli abbandoni. Allego alcune foto che ritraggono persone che hanno effettuato abbandoni su strade in Campo di Mare utilizzando automezzi  e che hanno ricevuto le necessarie sanzioni”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta sulla provinciale: deceduto conducente

  • Nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo. La Puglia tornerà arancione

  • Muore a 19 anni dopo forti emicranie: indagati due medici del Perrino

  • Violento impatto fra auto e moto in città: un giovane in ospedale

  • Covid, "furbetti del vaccino": ispezione dei Nas al Perrino

  • Puglia in zona gialla: dagli spostamenti alle aperture di bar, ristoranti e negozi, le regole fino al 15 gennaio

Torna su
BrindisiReport è in caricamento