San Pietro Vernotico. Primo caso positivo al Covid-19. Rizzo: "State a casa"

Il primo cittadino annuncia il dato, aggiornato al 16 marzo, e bacchetta i cittadini che non rispettano le disposizioni

SAN PIETRO VERNOTICO - Primo caso di positività al Covid-19 registrato nel Comune di San Pietro Vernotico. A renderlo noto è il sindaco, Pasquale Rizzo che specifica che il dato è aggiornato a lunedì 16 marzo.

"Auguro al nostro concittadino una pronta guarigione - dichiara il primo cittadino - siamo vicini a lui ed alla sua famiglia. Si è attivata la rete sanitaria con isolamento di tutte le persone che hanno avuto contatti con il paziente positivo. Abbiamo un elevato numero di casi di  isolamento domiciliare, alcuni dei quali riguardanti concittadini rientrati nel domicilio di residenza e provenienti da ex zone rosse, altri per contatti avuti con pazienti residenti in Comuni limitrofi risultati positivi al tampone. Sino ad ora, nonostante siano trascorsi molti giorni, godono ottima salute e non presentano sintomi.

Rizzo, inoltre, ringrazia i tanti cittadini che stanno dimostrando senso di responsabilità e stanno rispettando le prescrizioni indicate per limitare il rischio contagio. Diversamente, spiega, da altri che, invece, non stanno osservando le regole ed escono da casa per motivi che non giustificano uno stato di necessità o le altre ipotesi previste, ma legati a futili esigenze personali.

"Non è ammissibile - continua - che, per pochi scellerati, una comunità sia esposta a più elevatii rischi di contagio. Nell’ambito di una ricognizione sul territorio, ho visto davanti a rivendite di tabacchi o ad altre attività diverse dalle rivendite di generi alimentari, persone sostare per un tempo eccessivo ed ingiustificato, con un comportamento che non esito a definire delinquenziale, perché espone se stessi e gli altri a rischi di espansione della epidemia. Sono state impartite disposizioni specifiche: qualora gli agenti di polizia locale dovessero verificare il mancato rispetto delle prescrizioni di legge, sarà sanzionato non solo il cittadino, ma anche l’attività commerciale ove le persone sostano senza motivo, con l’immediata sospensione della attività. Tolleranza zero."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I ritardi sulla comunicazione dei dati

Il primo cittadino di San Pietro lamenta l'arrivo in ritardo delle comunicazioni: "Il virus non attende che tutti comprendano l’importanza di restare in casa. E’ una corsa contro il tempo, la situazione è drammatica: si potrebbero isolare completamente intere comunità, come accaduto in altre regioni. Ringrazio le forze dell’ordine per i controlli e per le denunce che stanno depositando, l’attività sarà sempre più repressiva. Una comunità intenta a rispettare le regole non può subire conseguenze negative per pochi che non intendono adeguarsi agli obblighi imposti."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Incidente in campagna: padre con la motozappa travolge il figlio

  • Prima svolta, indagato il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Scu, estorsioni nelle campagne: “Un euro per ogni quintale di grano prodotto”

  • Uomo trovato morto in casa dell'anziano che assisteva: disposta autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento