San Vito dei Normanni. Dalla Protechno oltre 200 mascherine per carabinieri e cittadini

L'azienda sanvitese è specializzata nella fornitura, lavaggio e controllo dei Dpi ma per l'emergenza ha riconvertito l'attività

SAN VITO DEI NORMANNI - La necessità di difendere le persone vicine ha spinto la Protechno Work Safe di San Vito dei Normanni, azienda specializzata nella fornitura, lavaggio e controllo dei Dpi, a convertire per alcuni mesi (fino a quando sarà necessario) la propria attività realizzando mascherine protettive in tessuto lavabile e riutilizzabili fino a 50 volte. Nella giornata di ieri, martedì 7 aprile, 200 mascherine sono state, infatti, donate dall'azienda al comando carabinieri di San Vito e altre saranno donate, nei prossimi giorni, al Comune e associazioni per un totale di 2000 mila pezzi.

Le mascherine sono relaizzate in tessuto doppio strato in Vektron 8200, materiale 100% poliestere, tessuto a navetta con filati continui per garantire una costruzione molto compatta al fine di assicurare un effetto barriera, con ridotto rilascio particellare. Il tessuto è estremamente durevole e adatto ad un lavaggio domestico e industriale a 75 gradi. Per questo, l'esperienza della Protechno in materia di tessuti utilizzati in campo ospedaliero ha permesso la realizzazione di un prodotto riutilizzabile e a uso domestico. 

La distribuzione avverrà nella maniera più utile alla comunità locale, grazie alle facili intese raggiunte con l’Amministrazione comunale, già alle prese con iniziative di supporto alle tante famiglie coinvolte dall’emergenza in maniera diretta o indiretta, sul territorio. All’azione di distribuzione dell’Amministrazione comunale si aggiunge la disponibilità delle associazioni attive sul territorio come la sezione sanvitese di Avis, l’Unitalsi e Fratellanza Popolare, ciascuna impegnata per le proprie competenze a supportare le fasce più deboli.

“In questo particolare momento – dichiarano gli amministratori della Protechno, Massimo e Giampiero Manelli – abbiamo distolto l’attenzione dallo sviluppo di nuovi progetti inerenti il nostro settore per dedicarci a una idea di utilità sociale, in primo luogo per la nostra città. Non si tratta di dispositivi medici, che vanno riservati al personale sanitario impegnato negli ospedali o in ambito sanitario, ma di soluzioni protettive per tutti i cittadini, da utilizzare nelle (poche) situazioni sociali in cui possiamo trovarci con altre persone all’esterno."

La nota di ringraziamento di Angelo Tedesco, presidente della locale Acias

L'associazione Acias è orgogliosa della donazione effettuata da un'azienda che non ha scopo di lucro ma è stata spinta dalla volontà di fare qualcosa nel proprio ambito, proprio come hanno dimostrato altre piccole e medie imprese, anche soci di questa associazione, spinti dal senso civico e spirito di appartenenza alla comunità sanvitese. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Un contributo a fondo perduto fino a 40mila euro per gli artigiani

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Altri 16 alunni positivi nel Brindisino: chiusa una scuola media

  • Migrante investito da un neopatentato: tragedia sulla provinciale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento