Sabato, 12 Giugno 2021
Attualità

"Santu Vitu on demand": il Comune partecipa a bando per la mobilità sostenibile

Il progetto prevede servizi di mobilità urbana e peri-urbana condivisa a chiamata a bassa soglia per la cittadinanza

SAN VITO DEI NORMANNI - Il Comune di San Vito dei Normanni partecipa, in qualità di partner pubblico, al progetto “Santu Vitu on demand”, che vede come soggetto capofila la Associazione Fratellanza Popolare (gli altri partner sono Stp Brindisi, Viavan Technologies, Nui cooperativa di comunità e cooperativa sociale Qualcosa di Diverso), candidato al bando per la mobilità sostenibile promosso da “Fondazione con il Sud”.
Il progetto punta a sperimentare un sistema di servizi di trasporto condivisi a chiamata svolto con minivan elettrici/ibridi accessibili e gestito con tecnologie digitali innovativi. In particolare, prevede servizi di mobilità urbana e peri-urbana condivisa a chiamata a bassa soglia per la cittadinanza, soprattutto per le categorie più fragili, i servizi di mobilità extraurbana condivisa su prenotazione e a chiamata per i cittadini ed i lavoratori pendolari, i servizi di collegamento di linea (anche a chiamata) tra il centro urbano e la costa.

L’Amministrazione comunale, nel deliberare l’adesione al progetto, ne ha apprezzato soprattutto la sua capacità di rispondere alle molteplici domande di mobilità di una comunità del Mezzogiorno medio-piccola non soddisfatte dal servizio pubblico e dal mercato e di migliorare la qualità della vita dei cittadini riducendo l’utilizzo dei veicoli privati e le emissioni in
atmosfera. La partecipazione del Comune al progetto prevede, in caso di positivo esito della candidatura, la disponibilità e la concessione dell’area destinata a parcheggio ubicata nella zona Pip, catastalmente individuata da parte dell’Utc per la sperimentazione di un parcheggio di interscambio per servizi condivisi di mobilità turistica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Santu Vitu on demand": il Comune partecipa a bando per la mobilità sostenibile

BrindisiReport è in caricamento