Restinco: secondo tampone negativo per 60 ospiti del Cara

Esami effettuati dall'Asl Brindisi. Resta ancora positivo il tampone del migrante tunisino arrivato la scorsa settimana

BRINDISI - Tampone di controllo negativo per 60 migranti tunisini ospitati nel Cara di Restinco,  che da due settimane è monitorato dal punto di vista sanitario dalla Asl di Brindisi. Ancora positivo, invece, uno dei migranti: dopo il primo test all’arrivo che aveva accertato la carica virale è ancora isolato in un’area del Cara con l’assistenza di medici e infermieri. Lo comunica il direttore generale della Asl, Giuseppe Pasqualone. "I tamponi  - dice il dg - sono stati eseguiti questa mattina dagli operatori sanitari del Servizio di Igiene e Sanità pubblica della Asl e i campioni sono stati processati nel laboratorio del Di Summa, diretto dal primario di Patologia clinica del Perrino, Angelo Santoro".

"L' ospite ancora positivo al test – aggiunge il direttore del Sisp, Stefano Termite - è un giovane adulto in buone condizioni di salute e verrà monitorato in collaborazione con i responsabili sanitari della struttura fino alla negativizzazione. Alcuni  migranti saranno trasferiti e nel pomeriggio sono stati sottoposti preventivamente a una visita medica".

L'attività di sorveglianza della Asl continua con il  monitoraggio e l'isolamento fiduciario per chi entra sul territorio da aree del mondo in cui la pandemia è più diffusa. Chi arriva da regioni italiane o nazioni europee in cui il problema del Covid è stato più rilevante viene invitato all’esecuzione volontaria del tampone. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 19 anni dopo forti emicranie: indagati due medici del Perrino

  • Il ballerino Alessandro Cavallo entra nella scuola di "Amici" di Maria De Filippi

  • Nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo. La Puglia tornerà arancione

  • Covid, "furbetti del vaccino": ispezione dei Nas al Perrino

  • Addio a Fabio D'Aprile: lutto nel basket brindisino

  • Puglia in zona gialla: dagli spostamenti alle aperture di bar, ristoranti e negozi, le regole fino al 15 gennaio

Torna su
BrindisiReport è in caricamento