Convocata seduta urgente consiglio sulla crisi Comune - Eni

Per mercoledì alle 15, ecco come seguirla. Città in mezzo al guado da decenni a causa dell'irrisolto nodo ambiente-sviluppo

BRINDISI – Ha un senso la seduta urgente del consiglio comunale sulla crisi Comune – Eni fissata per mercoledì 27 maggio, quando il 28 maggio il sindaco incontrerà i manager di Eni Versalis? Sì, ma solo se in consiglio mercoledì pomeriggio alle 15 si discuterà proficuamente per trovare quell’equilibrio tra interessi di salute pubblica e lavoro, che paiono un obiettivo impossibile e irraggiungibile per Brindisi, anche se sta tutto qui il nodo del futuro: una città più pulita e sana, un nuovo modello industriale, un porto attivo e dotato di infrastrutture moderne e votato all’intermodalità in grado di generare occupazione e turismo.

Avrà un senso, la convocazione di domani, se ogni genere di pressione elettoralistica resterà fuori dalla porta virtuale di questa seduta consiliare, e si lavorerà per dare al sindaco un mandato condiviso. Perché, sino a questo momento, nessuna delle amministrazioni comunali e nessuno dei consigli comunali intesi come organo deliberativo, degli anni sin qui trascorsi dal 1960 è riuscito a mettere le mani concretamente sulla costruzione di questi nuovi equilibri di sviluppo.

Spiace dirlo, ma anche i sindacati devono riflettere profondamente su questo tema, non solo con intenti scritti ma nella pratica. Non possono essere ammesse come punto di riferimento corporazioni di sorta, aree intoccabili, caste e consimili in una congiuntura come quella che vive Brindisi, realtà dove quella di una classe operaia e di tecnici, unita e capace di esprimere anche una classe dirigente, è una foto consegnata al passato.

Parimenti, non possono essere improbabili élite di fautori di una città priva delle fabbriche, di navi, di assetti commerciali avanzati, senza responsabilità politiche o con responsabilità politiche, a pretendere di assumere il controllo della situazione. In questo modo, allargando questa frattura, se si fa in modo che la partita venga giocata sul terreno della paura delle serrate, o su quella del chiudere tutto o quasi, Brindisi non andrà da nessuna parte.

Ritorniamo purtroppo sempre al tema di una realtà politica che, sia a destra che a sinistra, non ha complessivamente la forza dell’autonomia e l’autorevolezza per sciogliere il nodo ambiente – lavoro. Questo non vuol dire che non bisogna provare a imprimere questa svolta, anche cominciando da mercoledì mattina.

È una strada difficile, ma che la politica deve compiere da sola, perché sua è la responsabilità della programmazione, dell’urbanistica, della tutela ambientale, della sanità, dello studio. I fallimenti, dimostra la storia recente del territorio, ricadono sulla testa di tutti, di quelli che tacciono, di quelli che strillano, anche degli assenti. E la stanchezza verso la rappresentazione di una infinita e sterile contesa diventa sempre più forte. Per seguire la seduta consiliare di mercoledì alle 15, e quella rinviata alle 9,30 di venerdì 29 maggio (che si sarebbe dovuta tenere il 27) 

https://www.youtube.com/user/cittadibrindisi  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

https:// www.comune.brindisi.it  https://www.facebook.com/comunedibrindisi/ .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Maltempo nel Brindisino: danni e allagamenti, intervengono i vigili del fuoco

  • Consiglio regionale: cinque eletti in provincia di Brindisi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento