Corso musicale negato agli alunni: i genitori battono l'ufficio scolastico

Ieri la sentenza del Tar di Lecce: anche nella scuola media di Latiano si svolgerà un corso di strumento musicale

LATIANO - Anche i bambini della scuola media statale “Croce-Monasterio” di Latiano hanno diritto a un corso di strumento musicale. Lo ha stabilito il Tar di Lecce, che con una sentenza emessa nella giornata di ieri ha accolto il ricorso dei genitori degli alunni, rappresentati a titolo completamente gratuito dall’avvocato Mariaconcetta Milone, contro la mancata concessione dei corsi di musica da parte dell’ufficio scolastico regionale e quello provinciale, nonostante un numero sufficiente di ragazzi avesse superato la prova attitudinale. 

Lo studio dello strumento musicale rappresenta infatti un diritto al pari di tutte le altre materie in quanto la norma prescrive che tale insegnamento debba obbligatoriamente diventare materia curriculare in presenza del numero minimo di iscrizioni previste dalla stessa, almeno tre alunni per ciascuno strumento. Si tratta di una battaglia che la scuola secondaria di Primo grado di Latiano porta avanti da anni ma che solo con il ricorso ad un'azione giudiziale ad hoc è stato possibile vincere.

Il Tar Lecce, oltre ad accogliere il ricorso, ha anche condannato il Miur alla rifusione in favore del legale delle spese di lite, somme che, come già annunciato, l’avvocato Milone donerà alla scuola per l'acquisto di strumenti musicali che saranno utilizzati dai bambini meno abbienti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Diffonde immagini intime di una donna: arrestato per revenge porn

  • Covid, Puglia: la curva non si abbassa, 32 nuovi decessi

  • Coronavirus, stabili i nuovi positivi in Puglia. Cinque decessi nel Brindisino

Torna su
BrindisiReport è in caricamento